Bearzi

Dalle scommesse sportive al poker: nuovo record per il gioco d’azzardo in Italia??

Un settore in continua espansione, che non sente crisi e che continua ad appassionare moltissimi italiani: il gioco d’azzardo da tempo ormai rappresenta uno dei passatemi preferiti di tante persone (alcune lo hanno fatto anche diventare un mestiere). E ultimamente i numeri sono aumentati anche grazie alle ultime piattaforme digitali: fino a 50 anni fa per giocare una partita di Texas Hold’em un utente era costretto ad uscire di casa e ad andare al casinò, oggi invece basta semplicemente prendere in mano il proprio smartphone, il tablet oppure il computer. Si può giocare online praticamente in ogni momento della giornata, e quasi in qualsiasi luogo (l’importante è che ci sia una connessione stabile).

La situazione in Italia: le scommesse sportive

Anche l’Italia, come detto, continua a sentire l’influenza del gioco: nel 2017 è stato raggiunto il record di 101,8 miliardi spesi nel gioco d’azzardo, una cifra che tiene in considerazione ogni sua variante (dalle scommesse online ai diversi tipi di giochi di carte). Dati in netto aumento rispetto agli anni precedenti, visto che nel 2016 il totale si era fermato a 97,6 miliardi. Nel 2014, invece, la cifra non era andata oltre gli 84,5. Sul risultato finale pesa sicuramente il capitolo sport e scommesse, sempre gettonatissimo tra gli appassionati di calcio (e non solo). E considerando anche che nel 2018 ci sono stati i Mondiali in Russia, è possibile ipotizzare per l’anno che si è appena concluso un ulteriore aumento del giro d’affari attorno al gioco d’azzardo.

Nel frattempo, per farsi una prima idea si possono prendere in considerazione i dati 2018 relativi alle scommesse sportive in agenzia: 4,44 miliardi in tutto, 3,6 dei quali sono tornati nelle tasche di chi ha piazzato la giocata (81% di payout). Si è speso di più a Napoli (666,4 milioni), segue Roma (388 milioni), terzo posto per Milano (228,4 milioni). Altro dato interessante: la città con la raccolta media più alta (considerando il numeri di abitanti e dei punti vendita) è Prato, dove in ognuna delle 46 agenzie presenti sono stati investiti in media 996mila euro.

Fattore poker

Sul dato finale del 2018 conterà moltissimo il fattore poker: come accennato in precedenza, i modi per prendere in mano le carte si sono moltiplicati e oggi il giocatore d’azzardo può davvero scegliere tra tante maniere diverse di vivere la stessa esperienza. E quindi: casinò fisici, giochi di carte online e… casinò live. L’ultima novità del settore è proprio questa, con il croupier che prende forma e diventa una persona in carne ed ossa, e anche la sala dove avviene la partita è reale. Il sistema del casinò live si basa tutto su una connessione del giocatore con una sala fisica, dove può interfacciarsi con altri giocatori connessi. Tranquilli, comunque: anche se siete in pigiama, voi potete vedere il croupier ma lui non può vedere voi.

E ancora: le slot machine, il blackjack, il baccarat. Tante alternative disponibili, una sola costante: il gioco d’azzardo in Italia continua a piacere parecchio. In attesa dei dati del 2018, per scoprire se Poker&Co saranno riusciti a infrangere un altro record…

facebook
1.076