Decisioni Giunta Comune Udine 23 Marzo 2010

udine udine20
La scuola dell’infanzia “Gabelli” di via Bariglaria sarà ampliata. Lo prevede il progetto preliminare dei lavori, che ha avuto l’ok dalla Giunta Honsell. I lavori consisteranno nella realizzazione della terza sezione, nella ristrutturazione completa della cucina interna e degli spazi accessori e di servizio alla mensa (spogliatoi cuochi, lavanderia).
L’edificio esistente ha una superficie coperta di 700 metri quadri circa. La scuola è composta da due aule didattiche normali, una sala per attività collettive, il refettorio ed i servizi di supporto alle attività (servizi igienici, cucina, ripostigli, ufficio della direttrice, ecc.), oltre ad avere un piano interrato dotato di dispensa, deposito e magazzino, centrale termica con accesso dall’esterno dell’edificio. Il fabbricato, costituito da un unico piano, è immerso nel verde di un’ampia area scoperta destinata a giardino della scuola. Il progetto nasce per rispondere alle esigenze della scuola che negli ultimi anni ha visto crescere il numero degli alunni iscritti, visto che il quartiere è in costante crescita demografica. La struttura scolastica, nata agli inizi degli anni 70, è caratterizzata dalla presenza solo di due sezioni, che sebbene perfettamente funzionanti e complete di ogni spazio accessorio e complementare, non riescono a soddisfare la domanda.
L’intervento progettuale prevede di modificare la struttura esistente verso il cortile interno, dove c’è il porticato, con ampliamento di circa 50 metri quadri per realizzare una nuova aula con relativi servizi igienici, per accogliere almeno 20 bambini. Inoltre è previsto l’ampliamento del refettorio ed è stato progettato il completo rifacimento, con ampliamento e adeguamento degli spazi della cucina, insufficiente a supportare il carico di lavoro per le tre sezioni. A margine verranno adeguati e migliorati gli spazi di servizio all’attività scolastica attraverso la realizzazione di un piccolo ufficio per il personale insegnante e per l’accoglienza degli utenti, una dispensa al piano interrato e adeguati spogliatoi per il personale di cucina.
Tenuto conto dei tempi per l’approvazione dei progetti definitivo ed esecutivo e dell’aggiudicazione dell’appalto, i lavori, per una spesa complessiva pari a 650 mila euro, dovrebbero cominciare a marzo del 2011 e terminare entro l’autunno dello stesso anno.
“Con questo intervento si vuole dare una migliore e più razionale distribuzione delle attività che si svolgono quotidianamente nella scuola materna – sottolinea Gianna Malisani, assessore ai Lavori pubblici – , cercando di separare fisicamente le varie funzioni che gli spazi ospitano. Il progetto prevede infatti locali distinti per l’attività didattica con i bambini (aule), per le attività extrascolastiche (stanze per riunioni del personale docente), per la preparazione dei cibi (cucina con relativi spogliatoi e refettorio, dispensa), per supporto logistico alle attività (magazzini e ripostigli al piano interrato)”.

Via libera all’intervento di riqualificazione della palestra della Pascoli. Continuano gli investimenti dell’amministrazione comunale sugli edifici scolastici cittadini. La giunta ha approvato il progetto preliminare per una serie di interventi di manutenzione straordinaria sulla palestra della scuola primaria Pascoli di via Ampezzo. La struttura, costruita negli anni Ottanta, sarà al centro di diverse opere, per un investimento complessivo di 200 mila euro. Il progetto prevede in particolare la realizzazione di nuovo impianto di riscaldamento con pannelli a pavimento, in sostituzione dell’attuale impianto alimentato ad aria. “Come negli altri interventi sulle scuole già approvati da questa amministrazione – sottolinea l’assessore alla Gestione Urbana Gianna Malisani –, le scelte progettuali si pongono anche obiettivi di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici”. Sempre in un’ottica di efficientamento energetico si procederà anche con la sostituzione dei serramenti esterni, ormai fuori norma e caratterizzati da forti dispersioni termiche. Il parquet di legno della palestra, sollevato in più zone dall’umidità nonostante la costante manutenzione ordinaria, sarà sostituito con la posa di nuovi listoni di legno. Altri interventi riguarderanno inoltre la demolizione e il rifacimento del controsoffitto e l’adeguamento complessivo dell’impianto elettrico alle normative vigenti. Le opere a progetto saranno anche funzionali all’acquisizione del Certificato di prevenzione incendi dell’intera scuola. “Fa piacere sottolineare – precisa Malisani – che l’intera progettazione è stata realizzata dal personale interno del Servizio Infrastrutture 2, che ha già “firmato” diversi progetti tra il 2009 e il 2010”. L’intervento sarà eseguito senza intralciare l’attività scolastica, soprattutto perché in base al programma stilato i lavori dovrebbero iniziare a giugno per concludersi entro l’estate 2010.

Roggia di via Marsala, via libera alla realizzazione del passaggio pedonale. Dopo anni di attese e richieste da parte della cittadinanza, il ponte della roggia di Trivignano, in via Marsala, sarà finalmente dotato di un passaggio pedonale. In questo tratto, infatti, la viabilità esistente subisce un restringimento della carreggiata in corrispondenza del ponte stradale sulla roggia, non dotato di marciapiedi. Proprio per migliorare le condizioni di fruibilità del tratto specifico di via Marsala da parte dei pedoni e dell’utenza debole, l’amministrazione comunale ha previsto la realizzazione di un passaggio pedonale affiancato al ponte esistente, ma indipendente da esso, ubicato sul lato est della viabilità. La passerella pedonale sarà costituita da una struttura metallica. L’intervento, che verrà realizzato nel 2011, richiede un investimento complessivo di 60 mila euro e prevede la realizzazione di un collegamento con i marciapiedi esistenti. “È un’opera attesa da anni in circoscrizione, che ha finalmente trovato risposta da parte dell’amministrazione comunale – sottolinea l’assessore alla Mobilità Enrico Pizza –. Fa piacere ricordare inoltre, che l’iniziativa è stata anche oggetto di un ordine del giorno bipartisan in consiglio comunale da parte dei consiglieri Carlo Giacomello e Renzo Pravisano”.

Illuminazione pubblica: in via Ciconi e viale Leopardi arriva il led. La giunta ha approvato il progetto definitivo per il miglioramento dell’illuminazione pubblica in via Ciconi e viale Leopardi. Con un intervento da 200 mila euro il Comune interverrà sulle due strade, attraverso l’Amga, per posizionare 51 nuovi punti luce a led, destinati a potenziare l’illuminazione pubblica in particolare sui marciapiedi. Pur essendo già illuminate, infatti, le due strade risultano piuttosto buie lungo i percorsi pedonali a causa delle alberature con fronde ampie ed estese. “L’intervento rientra nel più vasto progetto di incremento del livello di percezione della sicurezza nelle aree di borgo stazione – spiega l’assessore alla Mobilità Enrico Pizza –. Quest’opera si configura però anche come un deciso passo avanti dal punto di vista dell’innovazione tecnologica e del risparmio energetico ed è il primo intervento di illuminazione stradale a led in città”. Il progetto, che ora ha ricevuto il parere positivo della Sovrintendenza ai beni culturali e dell’energy manager del Comune di Udine, sarà realizzato entro il 2010.

Rifiuti, chiesti contributi alla Provincia per smaltimento, recupero e sensibilizzazione.
Il Comune di Udine punta a potenziare lo smaltimento e il recupero dei rifiuti, nonché a realizzare campagne informative per sensibilizzare i cittadini, in primis i giovani con il coinvolgimento delle scuole, sulle tematiche ambientali e la raccolta differenziata. Con questo obiettivo sono state progettate una serie di iniziative per le quali sono stati chiesti alla Provincia di Udine contributi per complessivi 209 mila euro, ai sensi delle leggi regionali 30/1987 e 5/1997.
Di questa somma, circa la metà (109 mila euro) serviranno al Comune per acquistare 77 nuovi contenitori per lo smaltimento dei riufiuti, dei quali 35 container e due mini compattatori di diverse dimensioni per la raccolta differenziata da utilizzare nei centri di raccolta e oltre che 60 cassonetti da 3.200 litri per la raccolta differenziata stradale. Inoltre, 40 mila euro serviranno per campagne di informazione in tutta la città e di formazione nelle scuole sulla raccolta differenziata, attraverso l’uso di strumenti come mailing, lettere ai cittadini, distribuzione di volantini e locandine informative, manifesti, punti strategici informativi con gazebo, riunioni illustrative delle modalità operative, tempistiche e orari sul servizio. Sarà poi realizzata una campagna informativa a tutta la popolazione per la promozione della raccolta dei rifiuti di imballaggio e materiale ingombrante nei centri di raccolta cittadini (20 mila euro). Proseguirà il progetto di educazione ambientale “Io mi riciclo e tu?” (10 mila euro) che coinvolge il liceo scientifico “Marinelli” e l’istituto professionale per geometri “Marinoni” che punta a stimolare i ragazzi a raccogliere e a ridurre rifiuti attraverso sopralluoghi sul territorio, la realizzazione di un blog e di un gioco on line, attività nelle scuole e una premiazione finale
Infine, è stata progettata una campagna informativa per la realizzazione di spot audiovisivi per studenti delle scuole medie e superiori (10 mila euro). Le opere audiovisive realizzate a livello locale dagli studenti, verranno presentate al pubblico insieme alle le migliori campagne pubblicitarie a tema ambientale realizzate dalle principali agenzie internazionali. Verranno inoltre realizzati una serie di appuntamenti per coinvolgere diverse fasce di pubblico (laboratori, proiezioni per le scuole medie, proiezioni rivolte a giovani grafici e videomakers, incontri tematici per un pubblico adulto ed esperto, mostra finale rivolta a tutta la cittadinanza). L’idea è quella di affiancare al concorso dedicato agli spot sociali realizzati dalle scuole una serie di laboratori video dedicati esclusivamente alle tematiche ambientali, da sviluppare nell’arco dell’anno e capaci di creare una consapevolezza ancor più profonda nelle scuole e, di conseguenza, nelle famiglie. Ogni laboratorio prevede il coinvolgimento di un esperto di tematiche ambientale e di due operatori di per la realizzazione del percorso relativo alla pubblicità sociale. Il corso ha una durata complessiva di 40 ore circa. L’obiettivo è quello di coinvolgere almeno cinque istituti (ad esempio licei scientifici “Copernico” e “Marinelli”, istituto tecnico per geometri “Marinoni”, istituto magistrale “Percoto” e liceo classico “Stellini”) per la realizzazione di cinque diversi spot sociali.

Adesione all’iniziativa della Bnl “Metti in conto un nuovo albero”. Anche il Comune di Udine sarà tra i beneficiari del progetto “Metti in conto un nuovo albero” della Bnl- Gruppo Bnp Paribas, con il quale l’istituto di credito si impegna a donare alle amministrazioni locali un albero per ogni conto corrente aperto nei primi mesi di attività delle nuove agenzie. Obiettivo dell’iniziativa è creare aree verdi, arricchire o riqualificare quelle già esistenti e, non ultimo, concorrere con i Comuni ad abbattere le emissioni di gas a effetto serra. Il gruppo bancario mette a disposizione circa 250 alberi autoctoni di cui l’amministrazione dovrà indicare la specie prescelta e la zona in cui autorizzare la piantumazione. Su ciascun arbusto piantato uno speciale targhetta Bnl ricorderà l’iniziativa.

Opere di Hollesh e Pignatelli donate alla Gamud. Alla Galleria d’arte moderna sono state donate due importanti opere d’arte. Con l’ok della Giunta, nella sede del museo di via Ampezzo arriveranno il dipinto di Carlo Hollesch (Pola, 1926-1978) dal titolo “Saint Germain des Prés”del 1962 (80×60 cm.) e l’opera grafica “San Lorenzo-Olympic flame” del 2008, (840×645 mm.) dell’artista Luca Pignatelli. Il primo quadro, del valore di mercato stimato in 8 mila euro circa, è stato donato dall’architetto Giuseppe Alessandra e faceva parte delle sue collezioni. Si tratta di un dipinto di grande importanza storica, che completa la sequenza di opere già conservate in museo arricchendola con un artista di area veneto-friulana, presente a varie edizioni della Biennale del dopoguerra. La seconda opera, del valore di 1.500 euro circa, è stata donata dal professore Corrado Albicocco, titolare dell’omonima stamperia udinese e andrà ad arricchire la collezione di grafica contemporanea della galleria con un’opera di un artista di fama internazionale, presente anche all’ultima edizione della Biennale di Venezia.

Lascia un commento

437