Aperitivo a Grado

Diario elettorale: le conseguenze di Silvio sulla politica regionale; Saro infuriato, Tondo rinvia la lista a gennaio

facebook
7 dicembre 2012 – da leonarduzzi.eu Doveva essere per il 20 dicembre a San Giorgio di Nogaro, al palazzetto dello sport, invece è tutto rinviato al 2013. 
Il motivo risiede nel fatto che il 20, l’Arcivescovo di Udine vuole incontrare i vertici della politica friulana per un incontro di parola, di dialogo e per ricordare loro il messaggio del Signore.   “Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze”.  Il riferimento alle recenti inchieste sui costi della politca è evidente.
Natale senza scossoni di sorta per il PDL  regionale. Tuttavia la data che circola in queste ore potrebbe essere quella del 10 o 11 gennaio. La  settimana dopo l’Epifania. In quella circostanza Tondo potrebbe sciogliere anche la riserva su Riccardi a sindaco di Udine, e per quella data, la situazione romana e quella dell’election day sarebbe ormai risolta.

6 dicembre 2012 – da leonarduzzi.eu – Capezzone, il già presidente della Xa commissione alla camera e animatore anche in FVG, di iniziative in favore dell’impresa, è stato il primo a esprimere a stretto giro di agenzia, il suo pensiero sulla Ri-discesa in campo di Berlusconi. “Berlusconi è l’unica chance per il Paese”. 
Ferruccio Saro da Martignacco invece, quando ha notato la straberia astensionista al senato è andato su tutte le furie. Astenersi equivale al voto contrario. Quindi, per il navigato senatore, il messaggio è chiaro: Berlusconi ha deciso di togliere la fiducia a Monti e frenare i bollenti spiriti dell’esuberante Passera..
Al telefono Saro è fuori di sé, “non capiscono, non sono nemmeno capaci di avere il coraggio di andare fino in fondo!!” Insiste:” E’ da pazzi, in un momento come questo far cadere il governo!!” IN realtà al Senato hanno votato a favore del dl sviluppo solo in quattro del PDL: Giuseppe Saro, Paolo Amato, Franco Orsi e Beppe Pisanu.  Sembra strano, eppure Saro si trova in compagnia di Meloni, Gottardo, Contento.
Forse il senatore vede svanire il progetto centrista che stava germogliando attorno a Monti che avrebbe assicurato altri 5 anni in parlamento.

6 dicembre 2012 – da leonarduzzi.eu Ormai è una questione di ore. Astenersi al senato sul decreto sviluppo vuol dire spedire immediamente Monti da Napolitano, senza motoretta. IL governo dei tecnici non ha più la fiducia. Finalmente, qualcuno si è accorto che a  Udine i consumi, a  causa di Monti, sono crollati sottozero.
Ora, sorvolando sulla coda di baciapiedi che sfileranno ad Arcore alla ricerca di un sorriso, la crisi di governo che finalmenet tutte le categorie economiche si aspettavano, introduce un elemento di chiarezza cristallina per la nostra regione.  Primo luogo: elezioni politiche anticipate a febbraio accorpate alla lombardia, lazio e molise; secondo, la madre di tutte le riforme, quella sulla riduzione dei regionali, rischia di non vedere la luce. Terzo, Tondo avrà tempo fino ad aprile per tarare il progetto autonomista senza correre il rischio di farsi risucchiare dal probabile successo del PD  di Bersani alle politiche. 
Infine, l’interrogativo che incombeva nell’aula del parlamentino regionale stasera a Trieste, era il seguente:”Che faccio? sto qui o tento Roma?” Incognite fatali che non concedono errori. Consiglieri regionali incredibilmente frastornati. Assessori regionali attaccati al telefonino e in diretto contatto con la sede nazionale del partito. Chi andrà a sostituire l’uscente?  E  se dovesse andar male?

290