Ecco i friulani eletti in Parlamento

ante9605.JPG Il Friuli Venezia Giulia nelle mani del centrodestra? Per ora certamente si. Camera e Senato hanno confermato la tendenza degli ultimi anni.
Una tendenza interrotta nel quinquennio della giunta Illy, per lo meno sul piano regionale. Ma non su quello nazionale dove anche con il governo Prodi la nostra regione ha mantenuto la sua deriva di centrodestra. Ora si starà a vedere se quella di Illy – la decisione di posticipare le elezioni con l’election day – è stata una pensata da vero stratega, oppure una cantonata pazzesca. Se vince può diventare il numero due del centrosinistra a livello nazionale, assumendo una credibilità in un momento non fortunato per il Pd e company. Se perde, perde. Punto. E lo si potrà sapere tra poche ore. Alle 14 partono gli spogli delle schede. Si inizia con le regionali che potrebbero portare via dalle tre alle quattro ore di tempo. Poi si passa alle meno accattivanti elezioni provinciali, dove i bene informati danno Fontanini come vincente. E poi, in tarda serata, meglio nottata, si inizierà a capire da che parte andranno le elezioni comunali. E qui, sempre i bene informati non escludono un possibile ballottaggio. Honsell e Cainero.

Intanto gli spogli terminati ieri verso la mezzanotte nei seggi “ritardatari” hanno decretato l’ascesa del Cavaliere.

In regione sono sei i friulani che si sono guadagnati uno scranno a Roma e nessuno di questi, in barba alla voglia di novità, è un volto nuovo. Unicamente i soliti noti.

Alla Camera ci sarà Ivano Strizzolo (Pd), mentre al Senato sono già praticamente seduti sulle comode poltrone di palazzo Madama Giovanni Collino e Ferruccio Saro (Pdl). E a questi si affianca anche Manuela Di Centa (Pdl) la campionessa carnica eletta però come “vistor” in Trentino Alto Adige. Poi, c’è Mario Pittoni (Ln) leghista della prima ora e direttore di Lega nord Flash che dopo anni di lavoro dietro le quinte è già quasi premiato con un posto in Senato, un bell’inizio come prima esperienza politica. Più incerto il destino di altri due big regionali, Angelo Compagnon (Udc) e Carlo Monai (Italia dei valori). Per entrambi tutto resta nelle mani dei capilista: se cedono il posto, come dovrebbe essere in teoria, allora prenderanno il volo per Roma. Altrimenti resteranno con i piedi in territorio friulano.

Questi sono gli eletti alla Camera in Friuli Venezia Giulia.

Per il Pdl:

Silvio Berlusconi; Gianfranco Fini; Franco Frattini; Roberto Menia; Roberto Antonione; Isidoro Gottardo.

Per la Lega nord:

Umberto Bossi; Fulvio Follegot.

Per l’Udc:

Pierferdinando Casini.

Per il Pd:

Cesare Damiano; Alessandro Maran; Ivano Strizzolo; Ettore Rosato.

Questi gli eletti al Senato in Friuli Venezia Giulia.

Per il Pdl:

Giulio Camber; Giovanni Collino; Ferruccio Saro.

Per la Lega nord:

Roberto Calderoli.

Per il Pd:

Carlo Pegorer; Tamara Blazina; Flavio Pertoldi.

(Foto Agency Anteprima)

facebook
1.010