Telegram

elio-11

Dopo oltre tre mesi e trentadue date di continui sold out, sabato 10 luglio, è approdato nuovamente in Regione, al Parco Europa Unita di Cervignano del Friuli, la tournée di Elio e le Storie Tese nella sua versione estiva: “Bellimbusti Balneari tour 2010”. Il concerto organizzato dall’Associazione Culturale Onde Mediterranee era inserito nell’omonimo Festival Internazionale, giunto alla sua XIII edizione.

Foto: Romano Bragutti



































Elio e le Storie Tese, già tornati lo scorso inverno sui palchi dei più importanti teatri italiani, propongono per l’estate, pochi mesi dopo la pubblicazione dell’album “Gattini”, il meglio del loro repertorio da “Supergiovane” a “Servi della Gleba”, da “Il Rock and Roll” a “Tristezza”, da “Parco Sempione”a “Essere donna oggi” ed altri ancora. Geniali e pungenti come sempre, non mancano mai di stupire il loro pubblico con tante trovate in perfetto stile EelST, che ora si accingono a riproporre anche nel corso dell’estate 2010 con il loro nuovo irriverente concerto.
Pur riconoscendo agli Skiantos di Freak Antoni il merito di avere portato il genere demenziale in Italia, alle Storie Tese di Elio può essere sicuramente attribuito quello di averlo elevato a livelli altissimi di popolarità. Il valore aggiunto di questa band è senza dubbio la grande preparazione musicale dei suoi componenti. Grandi estimatori di Frank Zappa, gli EELST attingono a piene mani dal repertorio di questo straordinario musicista, proponendo coraggiose contaminazioni, bizzarrie e citazioni colte, condendo sempre il tutto con un marcato umorismo, a livello di musica e soprattutto di testi.
La solita verve e l’ironia di Elio ci hanno regalato due divertentissime parodie, presentate alla trasmissione di RaiTre “Parla con me” di Serena Dandini, della canzone vincitrice al Festival di Sanremo 2010, “Per tutte le volte che” di Valerio Scanu e di “Italia amore mio” del “magico” trio, Pupo-Filiberto-Canonici, i cui video, a distanza di mesi, spopolano ancora su YouTube e nella rete.

In uno dei recenti concerti, a proposito del loro essere agghindati con “strane vesti coloroserrime” (neologismo coniato da Mangoni per definire lo strano abbigliamento che i musicisti sfoggiano sul palco in questo tour) Elio argomenta così: “dopo tanti anni insieme anche noi di Elio e Le Storie Tese siamo entrati in crisi come i Litfiba, i Beatles… è stato il non essere mai entrati in crisi a farci entrare in crisi. E come tutti gli artisti che sono entrati in crisi, siamo andati in India”.
Sul palco Elio (cantante, flautista), Rocco Tanica (pianola), Cesareo (chitarra alto), Faso (chitarra basso), Christian Meyer (batteria), Jantoman (ulteriori pianole). E ancora, Paola Folli (cantante) e Mangoni (artista a sé).

facebook

Lascia un commento

652