Bearzi

Mancano pochi giorni al via della quinta edizione dell’EuroMarathon, la mezza maratona che unisce i Comuni rivieraschi di Muggia e Capodistria, che si svolgerà domenica 18 settembre.

La prima edizione fu corsa a pochi mesi da quel momento storico che fu l’abbattimento dei confini. Era il 2007 e gli atleti passarono la linea che divide l’Italia dalla Slovenia sotto lo sguardo attento delle forze dell’ordine di entrambi i Paesi. In quel caso lo sport fu precursore di ciò che sarebbe accaduto di lì a poco, divenendo ponte fra due nazioni.

L’edizione di quest’anno, valida come prova dell’International Half Marathon Cup e del Trofeo Il Giulia per lo Sport, ripropone la partenza da Muggia. Nel 2010, infatti, un violento nubifragio aveva allagato parte del percorso, costringendo gli organizzatori ad anticipare il traguardo.

Per questo l’Asd Evinrude e il suo presidente Graziano Ferlora hanno preferito rimandare al prossimo anno il turnover della partenza e dell’arrivo fra Muggia e Capodistria.

Saranno diverse centinaia, quindi, gli atleti che affolleranno il Mandracchio da dove verrà dato il via alla competizione.

Sono attesi podisti dal Triveneto, dall’Emilia Romagna, oltre alla solita nutrita pattuglia di sportivi sloveni, croati e austriaci.

Sul fronte dei grandi nomi, saranno presenti i protagonisti dello scorso anno. L’italo-marocchino Migidio Bourifa è ormai un habituè di questa corsa. Dopo aver ottenuto due secondi posti nel 2008 e nel 2009, vuole puntare al gradino più alto del podio. Dovrà affrontare il forte marocchino Lachen Mokraji, vincitore lo scorso anno sul percorso ridotto.

Fra le donne ci saranno Laura Giordano (tricolore di maratona nel 2009) e Eliana Patelli, ex pallavolista che, allenata dallo stesso Bourifa, vanta un personale sulla 42 km di 2h38’.

Il giorno prima della gara, comunque, verranno presentati i top runner presso il Centro EuroMarathon allestito nel ricreatorio parrocchiale di piazza della Repubblica. Fino a quella data gli organizzatori contano di aggiungere alla lista dei partenti qualche altro nome di livello internazionale.

Un’altra importante novità riguarda il percorso. I primi 1500 metri si sviluppano all’interno del centro storico muggesano. Dopo questa suggestiva parentesi cittadina, gli atleti proseguiranno in direzione Ancarano, da dove imboccheranno la nuova pista ciclabile che ripercorre la storica «Parenzana». Il traguardo di Capodistria è posto davanti all’antica Taverna, lo storico Magazzino del Sale.

L’Evinrude promuove, accanto alla manifestazione agonistica, una marcia non competitiva a passo libero. Sarà l’occasione per passare una domenica all’aria aperta, godendo della chiusura delle strade al traffico, lungo i 9 km che vanno da Ancarano a Capodistria e che potranno essere affrontati a piedi, con i pattini o in bicicletta.

Aspettando l’EuroMarathon

Il cartellone degli eventi che fanno da corollario alla mezza maratona è molto ampio. Nella giornata di sabato 17, in particolare, Muggia diventerà teatro di una gara di orienteering. A partire dalle 17.30 i partecipanti si sfideranno di corsa, con in mano una bussola e nell’altra una cartina.

Alle ore 18, invece, Elisabetta Emmanuele (massoterapista) e Francesca Zelesnich (fisioterapista) animeranno una conferenza dal titolo «Massaggio sportivo e fisioterapia: quale prevenzione ai traumi dello sportivo».

Seguiranno le esibizioni di karate a cura dell’associazione sportiva «Katamà» e, a partire dalle 20.30, la grande boxe. Piazza Marconi, infatti, ospiterà il «Memorial Enzo Battimelli», una serata pugilistica organizzata dalla Trieste Pugilato. Incroceranno i guantoni sia i dilettanti che i professionisti e non mancheranno gli incontri femminili.

facebook

Lascia un commento

427