Far East Film Festival 22 online edition. Dal 26 giugno al 4 luglio 2020

“Questo non è il Far East Film Festival 22: questo è il Far East Film Festival 22 online edition“. Dentro le parole di Sabrina Baracetti e Thomas Bertacche, responsabili del FEFF, si trova tutta la filosofia operativa della ventiduesima edizione. Un’edizione davvero storica, sotto i riflettori mondiali dal 26 giugno al 4 luglio. Anzi: un’edizione rivoluzionaria.

La rivoluzione, però, non consiste nell’aver trasferito il Far East Film sul web: consiste nell’aver trasformato il Far East Film in un evento digitale, riscrivendone completamente l’architettura (modello, formule, strategie editoriali) e conservandone l’obiettivo primario: indagare un territorio, l’Asia, e presentare il meglio delle sue produzioni cinematografiche popolari.

Se la base operativa si sposterà da Udine a MYmovies.it, dunque, il FEFF 22 non sarà semplicemente una library tematica: sarà, ancora una volta, una full immersion nel cuore del “lontano Est”, con 46 film provenienti da 8 paesi (Cina, Hong Kong, Taiwan, Corea del Sud, Giappone, Filippine, Indonesia e Malesia)! Alcuni titoli saranno disponibili worldwide, alcuni solo per il territorio europeo e alcuni solo per l’Italia. Le prime mondiali saranno 4, le prime internazionali saranno 12, quelle europee saranno 10 e quelle italiane saranno 17.

La rete diventerà il punto d’incontro del popolo fareastiano, chiamato a incoronare con i Gelsi (realizzati da Idea Prototipi) i vincitori degli Audience Awards e chiamato a condividere i video-saluti degli attori e dei registi e i talk di approfondimento con i grandi nomi del cinema asiatico.

Si sposterà sul web anche il FEFF Campus, la scuola di giornalismo per giovani talenti (5 asiatici, 5 europei) capitanata dal super tutor Mathew Scott e sostenuta da China Daily, China Film Insider, Eastern Kicks, Taiwan News e The Jakarta Post. Dal 30 giugno al 2 luglio, inoltre, troverà spazio online Focus Asia, cioè l’area Industry del festival, con la sezione Far East in progress (la prima e unica piattaforma europea dedicata ai film asiatici in post-produzione), il project market e un ricco programma di webinar.

Il pubblico cui si rivolge il Far East Film Festival 22, potenzialmente più ampio e probabilmente meno “specializzato” della community abituale, avrà l’opportunità di scegliere se vivere l’esperienza da “turista curioso”, da “viaggiatore” o da “esploratore esperto”: ad ogni attitudine corrisponde una specifica tipologia di accredito, un vero e proprio abbonamento studiato appositamente per il web. I pass virtuali giocano affettuosamente con l’immaginario asiatico: Silver Ninja (€ 9,90), Golden Samurai (€ 49) e Platinum Shogun (€ 100).

Tra i benefit, l’accesso a Far East Film Online: la nuovissima piattaforma di cinema asiatico, progettata dal Festival, che inizierà il proprio viaggio sabato 1° agosto con una cinquantina di titoli (evergreen e novità). Il catalogo verrà poi aggiornato periodicamente.

Le due anime del FEFF 22, cioè la dimensione festivaliera e la dimensione internettiana, troveranno piena rappresentazione nella nuova struttura: gli organizzatori hanno infatti messo a punto un palinsesto quotidiano, cioè una guida alla visione, ma lasceranno anche la possibilità di scegliere in piena autonomia quando guardare i film, accedendo all’apposita sezione on demand. Solo 3 titoli su 46 (I WeirDo, My Prince Edward, Better Days) andranno visti esclusivamente nella fascia oraria indicata dal programma.

Da lunedì 8 giugno in vendita i pass virtuali per il Far East Film Festival 22.

1.060