Federico Buffa a Udine racconta L’Odissea di Kubrick. Venerdì 1 aprile 2022

Per tutti gli appassionati di grande cinema, per tutti coloro che adorano i film cult di fantascienza o anche soltanto per chi non vuole perdere un’occasione unica per emozionarsi al racconto di una travolgente epopea, quella di venerdì 1 aprile è davvero una data da segnare in agenda. Arriva infatti al Teatro Nuovo Giovanni da Udine Federico Buffa, protagonista con uno straordinario ensemble di 6 musicisti dello spettacolo L’Odissea di Kubrick.

In un luogo fuori dal tempo, sulle note dei brani che hanno forgiato il mondo musicale della cinematografia – da Also sprach Zarathustra fino al Bel Danubio blu – il grande storyteller che ci ha conquistato con i suoi memorabili racconti di sport, musica e sfide impossibili ci accompagnerà questa volta alla scoperta di un film leggendario e del suo geniale creatore.

Uscito nelle sale nell’aprile 1968, 2001 Odissea nello spazio il film secondo l’establishment hollywoodiano avrebbe dovuto rappresentare il punto di non ritorno per Stanley Kubrick. già autore di pellicole come Orizzonti di gloriaLolita e Il dottor Stranamore. «Stanley Kubrick è finito», avevano proclamato unanimemente produttori e critici. Invece, la missione spaziale di David Bowman nelle profondità dell’universo e poi nelle sale cinematografiche di tutto il mondo era appena iniziata.

A 54 anni esatti dalla sua prima uscita nelle sale, il filmresta un capolavoro della storia del cinema e ne costituisce una svolta epocale. Ancora poco conosciuta ai più rimane però l’accurata ricerca scientifica che costituisce la premessa di 2001 Odissea nello spazio, al quale lavorarono 35 fra artisti e progettisti, più di 20 esperti di effetti speciali, un copioso staff di consulenti scientifici, incluso Marvin Minsky del MIT, uno dei massimi esperti di intelligenza artificiale e costruzione di automi, i quali riuscirono a immaginare meticolosamente un futuro molto vicino al nostro presente. «Un film che permane nel tempo, che va oltre il tempo. Un vero e proprio spartiacque nella storia del cinema»: così Federico Buffa definisce quello che è stato il film più atipico, rivoluzionario, allegorico e controverso della carriera cinematografica di Stanley Kubrick, e forse, almeno per quanto riguarda la fantascienza, di tutta la storia del cinema del ‘900.  Con il suo stile avvolgente ed evocativo di straordinario narratore,  capace – secondo Aldo Grasso – di “fare vera cultura, cioè di stabilire collegamenti, creare connessioni, aprire digressioni”  ci condurrà in un incredibile viaggio nel mondo del film e del suo creatore, tra passato e futuro.

Lo spettacolo L’Odissea di Kubrick che andrà in scena al Teatro Nuovo Giovanni da Udine il 1 aprile con inizio alle 20.45 fa parte della rassegna “Tempi Unici” realizzata con il sostegno di Civibank.

Biglietteria

Gli sportelli di via Trento 4 sono aperti dal martedì al sabato (escluso festivi) dalle 16.00 alle 19.00. Venerdì 1 aprile la biglietteria sarà aperta dalle 16.00 fino all’inizio dello spettacolo. Gli acquisti come di consueto possono essere gestiti anche online sul sito www.teatroudine.it o www.vivaticket.it.

Accesso in sala

In ottemperanza alle più recenti disposizioni, per l’accesso in sala rimangono obbligatori il green pass rafforzato e l’utilizzo della mascherina ffp2.

Ricordiamo che tutti gli spazi del Teatro sono igienizzati e sanificati nel pieno rispetto delle linee guida della Normativa vigente anti Covid-19.  Un impianto di nuova generazione preleva continuamente aria dall’esterno garantendone il ricambio completo in sala ogni 15 minuti. Il flusso verticale dell’aria dalla base di ogni poltrona verso il soffitto impedisce ad ogni spettatore di entrare in contatto con l’aria respirata dal proprio vicino. L’efficacia contro SARS-COV-2 della tecnologia utilizzata è stata certificata dall’Ospedale Sacco di Milano.

Venerdì 1 aprile 2022 – ore 20.45

TEATRO NUOVO GIOVANNI DA UDINE

Via Trento, 4 – 33100 UDINE

L’ODISSEA DI KUBRICK

con Federico Buffa

e il Nidi Ensemble

Alessandro Nidi pianoforte e arrangiamenti

Sebastiano Nidi percussioni

Tea Pagliarini corno

Filippo Nidi trombone

Nadio Marenco fisarmonica

Emanuele Nidi chitarra elettrica, tastiere e voce

testo di Federico Buffa, Cecilia Gragnani ed Elena Catozzi

disegno luci Manuel Luigi Frenda 

regia Cecilia Gragnani

co-produzione International Music and Arts Festival della Bellezza

640