Grado_FESTIVAL GRADESE_loc2010
Grado si prepara ad accogliere appassionati e turisti che sabato 27 marzo 2010 decreteranno la canzone che meglio esprime la musica e il dialetto dell’Isola d’Oro in occasione del XLIV “Festival della canzone gradese”, la tradizionale manifestazione che ha registrato il tutto esaurito già nel primo giorno di prevendita dei biglietti.

Cresce l’attesa per il “Festival della canzone gradese” in programma sabato 27 marzo 2010 alle ore 20.30 nel Palazzo dei Congressi di Grado, la cui prevendita dei biglietti ha registrato già nella prima giornata il tutto esaurito.
Dodici canzoni in gara, che saranno poi raccolte in un CD di Produzione Audiomark, ventidue cantanti di cui solo tre donne, diciotto autori: questi i numeri del festival la cui prima edizione risale al 1946, che continua a richiamare ogni anno nell’Isola d’Oro turisti e appassionati della tradizione locale per apprezzare l’espressione più autentica dalla cultura di Grado, attraverso la musica e la ricca parlata locale. Fra le curiosità dell’edizione 2010, la partecipazione del cantante Omero Gregori, esibitosi per la prima volta quarantuno anni fa, cui si contrappone una canzone scritta e interpretata da soli esordienti.

La direzione musicale del festival è affidata alla classe ed esperienza del maestro Ferruccio Tognon, da anni figura di riferimento dell’evento, che ha curato gli arrangiamenti con la collaborazione di Roberto Montanari di Audiomark e da Sebastiano Corbatto, mentre l’orchestra del festival “brass” vede accanto al Presidente del Circolo Jazz Grado Giorgio Pastoricchio, il maestro Giuseppe Polo e Tullio Regolin. A condurre la serata l’autorevole figura di Leonardo Tognon, affiancato dalle due presenze femminili di Maila Pastoricchio, già protagonista della scorsa edizione, e Martina Camuffo, semifinalista di Miss Italia 2009.

L’evento, organizzato dal Circolo del Jazz di Grado con il sostegno del Comune di Grado, della Provincia, della Regione Friuli Venezia Giulia e della Rai, è reso possibile grazie al prezioso aiuto di oltre cinquanta volontari.

Lascia un commento

636