Bearzi

Festival della Canzone Triestina 2014

duo GIULY-LORY
Malgrado le condizioni atmosferiche avverse si è svolta nella classica Festa di Campanelle, aperta tutta l’estate con i migliori artisti locali, una riuscitissima serata speciale dedicata al 35.o Festival della Canzone Triestina con brani e protagonisti del tipico contest canoro dialettale. Il tradizionale evento è affiancato dagli “Amici del Festival della Canzone Triestina” – Teddy Reno è il Presidente onorario – per coinvolgere ulteriormente l’apporto e la partecipazione cittadina alle prossime Edizioni. La Rassegna, coordinata dall’organizzazione di Fulvio Marion, ha riscosso un ottimo successo e ha confermato la qualità musicale del suo variegato cast artistico.
Sono stati riproposti i brani e i protagonisti che accederanno all’11.o Festival della Canzone del Friuli Venezia in programma a fine agosto nella suggestiva cornice del Parco delle Rose di Grado con gli omologhi altri grandi Festival in regione.
Così i D.Inside – l’amalgamato duetto Daniel-Nicol – ha ripresentato “Beata gioventù” di Christian Agosta, canzone vincitrice del recente 35.o Festival. La brillante ed espressiva coppia musicale ha cantato con brio e verve spiritosa questo brano con il tema del raffronto tra gli svaghi di ieri e di oggi tra i giovani. Ottimi consensi anche per la divertente “Baba free”, seconda al Festival (si parla di un “single” convinto, ma con sorpresa finale…), autori Leo Zannier e Andrea Bussani, quest’ultimo pure in scena con i “Noi&LorE” (Gabriele Pistrin e Lorenzo Rutter).
“Bona fortuna” (terza al Festival) è stata eseguita dal duo Giuly-Lory con vivacità ed estro interpretativo. Il brano è firmato da “Maxino”, già vincitore dei due precedenti Festival sempre con il duo Giuly-Lory che hanno anche cantato i due brani premiati. Una citazione di merito va infine a Manuela Sapla che ha cantato con piacevole sensibilità interpretativa due creazioni musicali di Sofia e Laura Cossutta, in particolare la delicata “L’ultima sigareta” dedicata al grande scrittore triestino Italo Svevo, brano in evidenza nel 34.o Festival. La serata è stata piacevolmente animata dal musicista Giorgio Manzin dei Tergestini.
Va ricordato che il Festival è stato ideato nel 1977 ed è la classica continuazione del tradizionale e storico Concorso di Canzoni Triestine istituito nel lontano 1890.
Nella foto di Claudio Micali: il duo Giuly-Lory.

facebook
786