Bearzi

Fiorentina-Udinese 2-1. Troppo Jovetic, ai bianconeri non basta Maicosuel – le Pagelle e le immagini

25 agosto 2012 – L’Udinese all’esordio in campionato propone un turnover estremo con solo 3 giocatori confermati in campo dopo il preliminare di mercoledì a Braga. Brkic difende i pali la difesa è composta da Heaurtaux, Danilo e Coda; a centrocampo Faraoni agisce da esterno destro, sull’interno c’è Battocchio, davanti alla difesa Willians, mezzala sinistra Badu. Sulla fascia mancina opera Pasquale mentre Maicosuel gioca alle spalle di Muriel, recuperato alla causa. E’ il solito 3-5-1-1 che lascia, soprattutto in trasferta il pallino del gioco agli avversari. L’Udinese però è particolarmente cinica e colpisce con Maicosuel imbeccato da Muriel che taglia la difesa viola con un  tocco. O’mago davanti al portiere la tocca nell’angolino basso.  E’ il 28° del primo tempo. La Fiorentina fatica a riorganizzarsi e la difesa friulana non permette ai viola di avvicinarsi a Brkic. Nella ripresa i toscani cominciano a schiacciare progressivamente i friulani nella loro area. Il pareggio arriva grazie a una deviazione di Heaurtaux su un tiro di Jovetic al 28° della ripresa. La Viola a quel punto ci crede e si avvicina al meritato vantaggio che arriva a un sospiro dalla fine quando sempre Jovetic colpisce con un diagonale che si infila nell’angolino basso.

BRKIC 6,5 – il portiere dopo i dubbi estivi conferma la buona prova di Braga con interventi convincenti. Nulla può sui gol; ancora qualche sbavatura di concentrazione ma la strada è giusta

HEURTAUX 5,5 – dalla sua parte orbita Jovetic e quindi la supposizione di un sabato pomeriggio difficile è destinata a trasformarsi in realtà. La degna conclusione  è il gol sotto le gambe al 92°. Fatica come una bestia su El Hamdaoui

DANILO 6,5 –  il miglior difensore del campionato italiano cede solo quando le cannonate viola lo lavorano ai fianchi. Spostato a centrocampo nel finale nella speranza di dare un po’ di ordine alla linea mediana che non risuciva più a gestire una palla.

CODA 5,5 – forse non se la cava nemmeno male ma c’è qualcosa nella gestione della palla  che fa la differenza fra titolari e riserve in questa Udinese

FARAONI 5,5 – dalle fasce deve venire anche spinta. Non è solo colpa sua ma affonda poco verso il fondo. E’ una delle alternative più credibili al titolare del suo ruolo

BATTOCCHIO 5,5 – questo ragazzo pieno di talento e geometrie si sacrifica prima come  mezzala e poi come centrale davanti alla difesa. Fatica in entrambi i ruoli. Avrebe bisogno di essere protetto da due mediani come succede a Pirlo e invece deve finire con la lingua fuori. Verrà il tempo Cristian

WILLIANS 6 – ok, è un pitbull, abbiamo capito. Ci vuole anche altro però. Speriamo che venga col tempo. Cmq la sua presenza è già significativa; con lui nel secondo tempo forse la squadra non si sarebbe schiacciata così tanto.

dal 46° PEREYRA 5,5 –  anche lui, come Battocchio, è costretto dal modulo e dalla competitività dei compagni a giocare da mezzala. Va bene se la squadra attacca ma quando si deve difendere sembra fuori ruolo. Dà  coraggio alla Fiorentina regalando una palla in area che Brkic sventa anche con fortuna

BADU 6 – chiamato all’improba impresa di sostituire Asamoah ci mette quellco che può. Nel marasma generale dovrebbe prendere più iniziativa e pensare di più visto che a un certo punto è quello a centrocampo con più presenze in bianconero

PASQUALE 5,5 – anche l’esterno sinistro affonda insieme al resto del centrocampo arretrando il raggio d’azione fino a essere schiacciato. Ha l’esperienza giusta e doveva cercare di scuotere la squadra

MAICOSUEL 6 – gli arrivano palloni ogni quarto d’ora. Chissà cosa gli sembra il calcio italiano dopo una vita passata a bailare in Brazil. Il tocco di danza non gli manca di certo e al momento del gol dimostra che dopo tanta samba può far ballare anche qualche villotta

MURIEL 6 – potenziale da fuoriclasse spreca una palla facile andandoci con scarsa convinzione, si inventa la giocata che vale il vantaggio di Maicosuel e poi aggiunge poco altro.

 

 

facebook

Lascia un commento

625