Bearzi

FOTO: Snaidero Udine 84 Assigeco BPL 77

snaidero-21
Terza vittoria consecutiva per la Snaidero Udine che, dopo avere sconfitto Latina ed espugnato il parquet di Rimini, ha la meglio in una combattutissima partita su Casalpusterlengo. Il jolly vincente per coach Cavina è stato il recupero in extremis dell’ala piccola americana C.

I commenti dei 2 coach a fine partita

Cavina (Snaidero Udine): “Commentiamo una vittoria ed è la cosa più importante. Ci sarebbero tante cose da analizzare, però devo dire una cosa: ho messo in guardia i ragazzi ricordando loro la partita con Vigevano e questa volta abbiamo avuto, anche se tardiva, una bella reazione.
E’ stata una partita molto difficile dal punto di vista tattico, ci siamo sforzati di giocare molto vicino a canestro come non abbiamo mai fatto, abbiamo però sbagliato troppi liberi e perso troppi palloni a metà campo. Due dei tre americani (Brown e Harrison) in condizioni normali non avrebbero mai giocato, la caviglia di C.C e la coscia di Brown sono impressionanti. E’ stata una grande prova di carattere, una grande determinazione. Harrison? Non avrei voluto utilizzarlo e sul +12 speravo che così fosse, poi c’è stata la necessità di utilizzarlo ed abbiamo stretto la fasciatura per poterlo impiegare. Il neo arrivato Rabaglietti? Quando sei troppo o poco concentrato il risultato è lo stesso ed ha fatto qualche errore; è però un ragazzo con grande disponibilità e voglia. Rispetto a Truccolo ha più ball-handling e meno tiro”.

Lottici (UCC Casalpusterlengo): “Ci è mancato qualcosa nei momenti importanti, un po’ di lucidità in certe situazioni. Abbiamo buttato via alcuni palloni importanti consentendo loro di condurre dei facili contropiedi. Il nostro miglior giocatore, Hatten, non è stato lucido come al solito ed ha pagato molto la marcatura aggressiva di Ferrari su di lui, e questo ha penalizzato tutta la squadra che ha in lui un punto di riferimento nei momenti topici. Abbiamo subito molto rimbalzo e questa è una chiave di lettura della nostra sconfitta; Wojciechowski ha giocato bene in attacco, ma in difesa nel primo quarto non teneva ed ho dovuto sostituirlo. Nel terzo quarto l’ho rimesso in partita ed ha fatto meglio, però poi è stato lui stesso a chiedermi il cambio. Lui e Cazzaniga hanno fatto molta difficoltà con i lunghi atipici di Udine ed ho preferito utilizzare Castelli da ala forte”.









SNAIDERO UDINE: Brown 13, Bennett 9, Ferrari 5, Brkic 16, Zacchetti 10; Dordei 17, Harrison 14, Rabaglietti, Contento. Ne: Pascolo, Maganza, Alibegovic. All.: Cavina

ASSIGECO BPL: Rullo 5, Hatten 12, Newell 21,Wojciechowski 13, Ostler 18; Venuto 5, Castelli 3, Cazzaniga, Biligha. Ne: Daniel. All.: Lottici

ARBITRI: Pascotto di Portogruaro, Ciaglia di Caserta, Conti di Firenze NOTE: spettatori 800. Tiri liberi: Snaidero 18 su 31; Assigeco 13 su 15. Tiri da tre: Snaidero 4 su 17; Assigeco 6 su 18. Cinque falli: Rullo (37 `)

facebook

Lascia un commento

557