Bearzi

udinese-chievo-15
Finisce a reti inviolate al Friuli il primo tempo di UdineseChievo. Gara con pochissimi spunti e giocata a ritmi molto

Marino: “Un bel passo avanti”
Pasquale Marino si tiene stretto il punto conquistato contro il Chievo: “Questo è un bel passo avanti verso la salvezza”.
“E’ stata una gara difficile, il Chievo ha pensato a difendere, ci ha costretto ad un non gioco – spiega il tecnico dell’Udinese -. Penso che alla fine vada bene il pareggio, gare così c’è il rischio di perderle. La squadra comunque è in crescita”.
“Ora possiamo guardare la classifica con discreta tranquillità”, conclude Marino.

Di Carlo: “Punto pesantissimo”
“Abbiamo ottenuto un punto pesantissimo”. Così Mimmo Di Carlo commenta il pareggio conquistato dal suo Chievo al Friuli. “L’Udinese è una squadra importante, siamo stati bravi a difendere e a chiudere gli spazi agli avversari”, afferma il tecnico gialloblu.
“Abbiamo pensato nel secondo tempo di poter vincere, con Pinzi che ha avuto due grandissime occasioni. Il risultato è stato comunque voluto e cercato dai ragazzi. Dobbiamo essere bravi ad arrivare ai 41 punti prima possibile”, conclude l’allenatore di Cassino.























Udinese e Chievo non vanno oltre lo zero a zero, e solo gli uomini di Di Carlo possono esultare: l’Udinese, partito con ambizioni europee ad inizio stagione, potrebbe essere risucchiato proprio nelle ultime giornate in una durissima lotta per la salvezza, dove non ci sono gerarchie che tengano. Lazio e Atalanta, rispettivamente quart’ultima e terz’ultima, hanno infatti ottenuto vittorie larghe contro Siena e Cagliari, a dispetto della squadra friulana che in attacco ha stentato parecchio. Potrebbe mettersi davvero male per i ragazzi allenati da Marino…

In campo – Nel 4-3-1-2 di Di Carlo ci sono Rigoni regista, Pinzi trequartista e De Paula in attacco al fianco di Pellissier. Nell’Udinese, Pepe fa l’ala destra venendo preferito a Sanchez, mentre il ruolo di regista è coperto da Inler, all’interno del solito 4-3-3.

facebook

Lascia un commento

656