Bearzi

Franco Causio: Napoli attento alla trappola Udinese

causio

Udinese-Napoli, match che si giocherà domenica 28 novembre alle ore 15 allo stadio Friuli, ha parlato Franco Causio, ex calciatore, oggi commentatore sportivo

Causio, domenica il Napoli sarà di scena a Udine: che partita sarà?

“Sarà un match tra due squadre capaci di giocare un ottimo calcio, a patto che non commettano l’errore di sottovalutare l’impegno: l’Udinese dovrà scendere in campo con la consapevolezza che il Napoli formato trasferta è la squadra più pericolosa dell’intero campionato forse. Tuttavia, il Napoli dovrà fare la partita perfetta per strappare una vittoria al Friuli, visto che i bianconeri sono in un ottimo momento di forma psico-fisica, anche a Roma i ragazzi di Guidolin non meritavano di perdere”.

La partita di Udine precederà di quattro giorni il match decisivo contro l’Utrecht di Europa League. Sarà un Napoli con alcuni big in panchina?

“Lo escludo, quattro giorni non sono tantissimi ma neanche pochi, e mantenere il terzo posto è l’obiettivo primario di Mazzarri. Fare risultato a Udine e mantenere il podio è la miglior medicina per la stanchezza. E poi l’età media dei gioielli del Napoli è bassa e non credo che la fatica possa farsi sentire più di tanto, soprattutto perché si entra nel periodo in cui la condizione fisica inizia ad essere al top”.

Maggio ed Hamsik sono tornati al gol dopo un periodo non felicissimo, a livello di prestazioni individuali. Quanto è importante per questo Napoli ritrovare questi due campioni?

“Importantissimo, insieme a Lavezzi e Cavani sono forse i quattro giocatori che fanno la differenza. Anche se non va sottovalutato il grandissimo lavoro di Gargano e Pazienza, due mediani che farebbero comodo a qualsiasi squadra. Ed anche la difesa, nonostante non sia sempre impeccabile, dimostra grande spirito di sacrificio. Non è facile per una difesa a tre giocare bene quando si hanno tanti giocatori offensivi”.

Di certo questo Napoli, che sta facendo benissimo, può essere rinforzato a gennaio. Sarà decisivo l’eventuale passaggio del girone di Europa League, in tal senso?

“Non è detto. Mazzarri ha voluto la coperta corta, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Forse avere pochi uomini a disposizione responsabilizza i calciatori in modo tale da farli rendere sempre al massimo, non è da escludere che la società faccia il più a giugno, mentre a gennaio si muoverà solo se vi saranno delle occasioni. Mancano ancora diverse partite prima della sosta natalizia, di certo Bigon e De Laurentiis sapranno cosa fare”.

Causio, lei conosce molto bene Morgan De Sanctis. Non crede che il portiere azzurro meriterebbe una chance da parte del ct Prandelli? Va bene puntare sui giovani, ma snobbare uno dei migliori portieri della Serie A…

“Conosco Morgan da tantissimi anni, è un professionista serio che non conosce il significato della parola appagamento. Si arrabbia anche se vince 4-0 e la sua difesa sbaglia un movimento o lui stesso sbaglia qualcosa, è questa la sua grande forza. Meriterebbe di far parte del giro della Nazionale, di nuovo, sono d’accordo”.

Per questo Napoli è più facile rimanere terzi fino alla fine del girone di andata o andare molto avanti in Europa League?

“Il Napoli ha Inter e Juve nelle ultime due giornate, non è roba da poco. Tuttavia, credo che gli azzurri abbiano messo la quarta marcia in campionato e potrebbero continuare a fare benissimo La classifica è in continua evoluzione, credo che si deciderà tutto all’ultima giornata di campionato, sia in testa che in coda. L’Europa League è più complicata, per la gestione dell’organico intendo”.

E’ arrivato il momento dei pronostici: Udinese-Napoli, Sampdoria-Milan, Palermo-Roma…

“Sicuramente GOAL per Udinese-Napoli e Palermo-Roma, segno 2 per Sampdoria-Milan”.

Fonte: PianetAzzurro.it

facebook

Lascia un commento

664