Udine

Friuli Doc: 120 appuntamenti musicali

Dal pop al folk, dal jazz alla classica e al musical. E, ancora, funk, rock, swing, latino, etno e molto altro. I sapori e i profumi di questa XV edizione di Friuli Doc avranno un sound ricchissimo di generi e di altissimo livello. Per il concerto inaugurale, (17 settembre alle ore 17) si è pensato al Conservatorio “Jacopo Tomadini” di Udine.

friulidoc2009_

Sarà il prestigioso istituto cittadino a “schierare” la sua Brass-Band, un ensemble di ottoni voluto e guidato dal Maestro Diego Cal e capace di affrontare un vasto repertorio che spazia dalla musica colta, concepita appositamente per la nutrita famiglia di strumenti, a un accattivante ventaglio di proposte legate al grande universo delle Big Band Jazz statunitensi. Grazie alla performance degli artisti del Conservatorio e alle coreografie predisposte per l’occasione la cerimonia inaugurale si preannuncia un grande spettacolo nello spettacolo, presentato dalla giornalista friulana di Sky Giorgia Bortolossi. Grande protagonista dell’apertura di Friuli Doc sarà il testimonial di quest’anno: l’amatissimo capitano dell’Udinese Antonio Di Natale.

Nel corso dei quattro giorni della rassegna i palchi delle piazze e delle vie cittadine saranno calcati da band affermate e di richiamo. All’interno del programma artistico trovano posto, ad esempio, i Barbariga Funky Band, un gruppo formato da tre voci, due chitarre, due sax, basso, tastiere, batteria, tromba e percussioni. Questa giovane band, che si esibirà giovedì 17 settembre alle 21 in piazza Venerio, propone un funky groove capace di coniugare artisti e stili diversi: da Stevie Wonder a Aretha Franklin, dall’R&B al funky. Per chi cerca una serata più soft sempre giovedì alle 21 in piazza Duomo suonerà l’Orchestra 90, un complesso di nove elementi che propone un repertorio adatto a tutte le età: dai ballabili tradizionali al latino-americano, dal revival anni 60/70/80/90 alle hit del momento. Star del venerdì sera, sempre alle 21, saranno invece gli attesissimi The mad scramble. La band, composta da nove elementi, propone un repertorio travolgente a base di funk, soul e R&B. Nella stessa serata, in contemporanea, in via Gemona si esibirà il quartetto rock dei The Casual’s, mentre in piazza Venerio saranno di scena Augusto Pace & The Crooners, altro quartetto che predilige i classici americani anni ’40 e ’50, il genere musicale rilanciato da Michael Bublè.

A partire da sabato 19 settembre gli appuntamenti musicali inizieranno già dalla tarda mattinata, con intrattenimenti di sottofondo da parte di band e gruppi: alle 12, in piazza Venerio, ad esempio, il gruppo Bandasonora si cimenterà in un repertorio mutuato dalle colonne sonore più famose. Sempre il sabato, alle 21.30 in via Gemona, toccherà al gruppo pop-rock degli Xpress, mentre in contemporanea in piazza Duomo si esibirà la Real Flexible Orchestra, una formazione di 20 strumentisti che propone un repertorio di stampo prevalentemente jazzistico, con contaminazioni nel blues e nel rock, prediligendo soprattutto brani con voce solista, con una varietà di organico e di repertorio. Per la musica folk spicca l’esibizione del gruppo Stelutis di Udin, in scaletta alle 20.30 sotto la loggia del Lionello in piazza Libertà.

Il programma proporrà diverse iniziative anche nell’ultimo giorno della rassegna, domenica 20 settembre. Alle 17, ad esempio, piazza Venerio si immergerà nell’atmosfera di Broadway dei Musicall, una band specializzata nelle cover dei musical più famosi. Alle 20.30 in piazza San Cristoforo sbarcheranno invece le Swing in blue, un trio di vocalist tutto al femminile che con l’accompagnamento di un pianoforte ripercorreranno i magnifici anni ’30. Per i più giovani in largo Ospedale Vecchio, sempre alle 20.30, si esibiranno gli Aqstick, un trio giovane che propone cover in chiave acustica (chitarra e violino) di brani pop-rock degli ultimi 30 anni, reinterpretandoli con arrangiamenti personali e originali. L’evento clou dell’ultimo giorno di Friuli Doc sarà però l’esibizione di Demo Morselli e della sua Big Band, in programma alle ore 20 in piazza Libertà. La più importante orchestra della televisione italiana, divenuta famosa per le partecipazioni al Maurizio Costanzo Show, porterà a Udine una formazione di 12 professori d’orchestra presenta un repertorio capace di spaziare dai classici swing alle colonne sonore dei più famosi colossal del cinema mondiale, fino ai grandi successi di Frank Sinatra, Gloria Gaynor, il meglio della musica dance anni 70 e ai grandi classici della canzone italiana.

Molteplici e variegati laboratori e giochi per i bambini, situati in diverse location, che allieteranno le giornate dei più piccoli con trucchi, storie, fantasie d’autore e particolare attenzione al riciclo dei materiali e al rispetto dell’ambiente
Il programma artistico propone animazioni nuove e tradizionali, dal gruppo Malaparata al famoso Carro di Staranzano con trampolieri, monocicli, clown, mongolfiere e giocoleria varia.
Tra le proposte più originali e simpatiche c’è il Carillon, un pianoforte itinerante che attraverserà le piazze e le vie del centro storico guidato da un etereo personaggio del ’700, mentre un’elegante ballerina classica compirà dolci evoluzioni.
Inoltre, giochi di ieri per i bambini di oggi, atossici e con materiali antinfortunistici, spettacoli e esibizioni di danza moderna con corpi di ballo, situazioni simpatiche, originali e fantasiose ed un’originale dimostrazione e prova di tiro con la fionda, nel piazzale del Castello di Udine. Ricca anche l’offerta culturale, con concerti e letture culturali in sala Ajace, mostre e musica d’autore nella Chiesa di San Francesco e presentazioni di libri in piazza Venerio.

Il programma artistico ideato dalla Pregi srl, che si è aggiudicata quest’anno il bando per l’intrattenimento della manifestazione, promette di soddisfare qualsiasi “palato” musicale, con oltre 120 concerti e appuntamenti musicali. Nella scelta dei gruppi partecipanti i creatori del Ceghedaccio hanno puntato in maniera decisa sulla qualità, privilegiando come da tradizione le eccellenze della regione.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Udine

friulidoc2009_

facebook
610