Aperitivo a Grado

Friuli DOC 2016: inaugurazione con Carlo Cracco – 8 settembre

facebook

02_09_16 cracco_chefUdine, e Friuli Doc, si proiettano verso una dimensione internazionale. Come già annunciato, sarà, infatti, Tony Hadley, frontman degli indimenticabili Spandau Ballet, la punta di diamante del programma musicale di Friuli Doc 2016. Per lo spettacolo finale della kermesse udinese, divenuto negli ultimi anni uno degli appuntamenti più attesi dal pubblico della manifestazione, la direzione artistica della Pregi di Renato Pontoni pesca in questa edizione un vero e proprio asso del panorama pop mondiale degli anni ’80. Sul palco di piazza Libertà, per la serata conclusiva, salirà dunque il leader di un gruppo capace di vendere ben 25 milioni di dischi e di spartirsi una fama planetaria insieme con l’altra band antagonista del periodo, i Duran Duran.

Non da meno sarà il protagonista dell’inaugurazione, quando a tagliare il nastro della XXII edizione sarà Carlo Cracco, chef pluristellato, ristoratore, personaggio televisivo di primo piano del panorama nazionale del piccolo schermo e recente vincitore, insieme con Joe Bastianich e Bruno Barbieri del Premio Tv – Premio regia televisiva 2015 per MasterChef Italia. L’attesissimo testimonial aprirà ufficialmente l’evento giovedì 8 settembre alle 17.30 dal palco di piazza Libertà alla presenza degli amministratori e di tutti i protagonisti della kermesse, con la conduzione della presentatrice ufficiale, la giornalista Martina Riva, e l’accompagnamento musicale della fanfara della Julia.

Ma il ricco programma di spettacoli e musica  non mancherà di stupire lungo tutto l’arco della manifestazione con un centinaio di appuntamenti serali e pomeridiani e quasi 500 artisti coinvolti. Anche quest’anno, com’è tradizione, Friuli Doc offrirà ai suoi visitatori un ricchissimo programma di intrattenimento (piazza Libertà, piazza XX Settembre, corte Morpurgo, piazza Marconi, piazza San Cristoforo, Largo Ospedale Vecchio, piazzale del Castello, piazza Matteotti, corte Morpurgo e via Mercatovecchio) a cui si aggiungono gli eventi sotto la Loggia del Lionello e Corte Morpurgo, senza dimenticare piazza Duomo e Garibaldi e le tante vie del centro che saranno invase dalle band itineranti. La direzione artistica della kermesse, curata Renato Pontoni e il suo staff della Pregi srl, proporrà un rinnovato e ricco palinsesto artistico, come sempre dedicato ai giovani e meno giovani e, comunque, a tutti gli amanti del divertimento. Nei palchi coperti delle piazze e lungo le vie del centro suoneranno dal vivo gruppi formati da molteplici artisti, locali e non, contraddistinti dalla volontà e dal piacere di esibirsi a Friuli doc per trasmettere le emozioni ad un pubblico preparato e culturalmente predisposto. Positiva, Sound Out, Garridos Band, Krills, Vertical Smile, Anni Ruggenti, Vancuver, The Sayes, Soft Quartet Gold, Giacomo Rossetti, Petris e i Solisti, Tablatones, Movida Band, Blue Cash, Galao, Jolly, Power Flower, Orchestra 90, I Muppets, All Inclusive, tutti molto bravi e qualificati nel loro genere.

In particolare segnaliamo il ritorno molto atteso di Omar Pedrini e la sua band, che oltre al concerto musicale classico lo si potrà ascoltare anche in un talk sotto la loggia del Lionello venerdì 9 alle 17 assieme al noto friulano, Oscar del vino 2012 come miglior agronomo viticoltore, Marco Simonit e al cuoco pluristellato Emanuele Scarello de “Gli Amici” di Godia.

Avrebbe dovuto essere un’altra vera e propria chicca di Friuli Doc, ma purtroppo impegni contrattuali hanno costretto il giornalista e cantante Gianlugi Paragone, insieme con il suo gruppo rock, “Gli Skassakasta”, a dare forfait a Udine. Al suo posto, tuttavia, arriverà una cover band di tutto rispetto, i “Beatbox”. Molto più che un semplice tributo ai Beatles, la performance dei Beatbox si propone di far rivivere l’energia e il fascino del mitico quartetto di Liverpool. E per ottenere il risultato desiderato nulla è stato lasciato al caso: dalla strumentazione, identica a quella usata dai Beatles nei loro storici concerti, ai vestiti, confezionati su misura dalla stessa sartoria che li creò per la tournèe americana dei Fab Four.

Non potevamo non essere invitato a Friuli Doc, poi, lo showman di Sant’Osvaldo, famoso in tutto lo stivale per talento e ironia. Stiamo parlando di Ruggero de i Timidi che con la nuova band in super formazione sul palco del castello presenterà il nuovo video che sta facendo impazzire il web dal titolo “Torna a Udine”.

Generi musicali diversi tra loro quali: pop, blues, funk, Jazz, swing, latin, italian style, revival, 70/80/90/ folk, rock, disco, rockabilly ed altro, in acustico ed elettrico, senza dimenticare la marilenghe. Nel programma della kermesse naturalmente ci saranno infatti le proposte della tradizione friulana, come la famosa Fanfara della Julia all’inaugurazione, la banda di Madrisio con le immancabili majorettes, e la banda di Reana, oltre al grande Festival della canzone friulana che per la prima volta, vero e proprio festival nel festival, approda a Friuli Doc in piazza della Libertà.

Molte saranno anche le attrazioni on the road durante tutti e quattro i giorni, con i suoni itineranti di The Urban Beat Street Drum e di Furlans a manete, l’animazione da strada dei Funkasin con le loro sonorità Funky, i giocolieri rinomati della Compagnia del carro e Guggen Bellezze con le loro sonorità folk e revival.

Non solo musica, comunque. Nel cartellone ci saranno anche animazioni di ogni genere e per tutti gusti. Dai laboratori didattici e workshop in corte Morpurgo con laboratori di equilibrismo per i più piccoli e per la prima volta anche il laboratorio musicale Nuovi Suoni. Dai giochi della ludoteca, poi, spazio anche all’animazione con il Ludobus. E, ancora, supermagie strabilianti del mago FLIP, direttamente dal palco del talent show “Tú sí que vales” in onda sui canali Mediaset, ma anche aperitivo e barzellette con Sergio Galex Galantini. Alle 19 di giovedì, venerdì e sabato, inoltre, tutti con il naso all’insù nel quartier generale di Buttrio in piazza Marconi per vedere lo spettacolo di equilibrismo in quota Highline e la danza dei tessuti aerei. Novità per il Format “Raccontami di Te” per chi vorrà ascoltare, sabato e domenica, le storie di vita vere del passato, con i personaggi noti e meno noti del Friuli, moderati da un giornalista, in corte Morpugo.

Confermata ed arricchita la Piazza del Gusto dopo il grande successo e il tutto esaurito delle scorse edizioni. Passato quest’anno alla Prova del cuoco su Rai1con Antonella Clerici, ritorna in piazza Matteotti il simpaticissimo Chef emiliano Daniele Persegani con l’inseparabile friulana padrona di casa Franca Rizzi. Torna in grande spolvero anche Fabrizio Nonis, diviso tra un microfono e un coltello da macellaio per presentare nelle fasce orarie pomeridiane i migliori cuochi nazionali in circolazione. Ad impreziosire e fare da collante tra uno show coking e l’altro, quest’anno sarà installato un pianoforte a mezzacoda, libero per tutti coloro che si sono iscritti, e sono già tantissimi, per esibirsi liberamente in spettacoli di 30 minuti l’uno. Il primo tocco al pianoforte firmato Friuli Doc, giovedì 8 alle 18.30 sarà inaugurato dalla friulana Shari Noioso, la tredicenne prodigio e vincitrice morale di Tú sí que vales nel 2015.

Nello stage principale, quello di piazza Libertà, troveranno spazio diverse proposte rivolte a un ampio target di pubblico. Ad aprire il programma, giovedì 8 alle 21.30, ci sarà l’esibizione di Udine Jazz collective, un tributo dedicato a Prince e Michael Jackson a cura del conservatorio udinese. Venerdì 9 alle 21.30, ritorn dopo due anni di assenza una delle eccellenze italiane del Rock’n Roll con la band dei Four Vegas e il loro inconfondibile front man, Al Bianchi, per scatenare il pubblico anche con i brani di Elvis Presley. Sabato 10 sempre alle 21.30 la lingua friulana sale in cattedra e presenta dopo tre edizioni di “sold out” al Teatro Giovanni da Udine il Festival della Canzone Friulana replica del 2015 con la Mitteleuropa Orchestra per la direzione artistica di Valter Sivilotti. Il concerto è curato dall’Aster Noi Cultura con i Comuni di Manzano, Buttrio, Pradamano, San Giovanni al Natisone, Premariacco, Pavia di Udine e Corno di Rosazzo e vedrà sul palco 15 cantanti con brani originali presentati da Martina Riva e Claudio Moretti. Domenica 11, come anticipato, grande spettacolo finale internazionale con la Abbey Town Jazz orchestra che accompagnerà Tony Hadley, lead singer degli Spandau Ballet e la partecipazione straordinaria dell’Accademia d’archi Arrigoni diretta da Denis Feletto per un tributo al grande Frank Sinatra.

921