Friuli Doc: doppia inaugurazione per Confindustria Udine

Magon, Honsell, Tonon, Martines e Firmani
“Per la prima volta abbiamo aperto l’entrata a palazzo Torriani da via Zanon. In questo modo Confindustria Udine e il Comune si sono idealmente e reciprocamente aperti le porte con la volontà di proseguire in un costruttivo percorso di dialogo, fiducia e sviluppo”.

Parole del vice-presidente di Confindustria Udine, Matteo Tonon, che ha inaugurato questo pomeriggio a palazzo Torriani, alla presenza, tra gli altri, del sindaco Furio Honsell, del vicesindaco Vincenzo Martines, del capogruppo Terziario Avanzato di Confindustria Udine, Giovanni Claudio Magon, e del coordinatore del progetto di turismo industriale Marino Firmani, il ciclo di tre appuntamenti sul tema dell’acqua promosso dall’Associazione in occasione di Friuli Doc; acqua che è stata protagonista in tutti i sensi della giornata visto che, causa la pioggia, l’incontro non si è tenuto, come da programma, nel cortile all’aperto, bensì nella nuova sala convegni dell’ANCE di Udine ubicata all’interno della torre duecentesca di Santa Maria.

Il sindaco Honsell, che ha dato prova nel suo intervento di essere un provetto idrosommelier (“Anche per gustare l’acqua bisogna prima conoscere”), ha portato il benvenuto del Comune alla “prima volta” di Confindustria Udine a Friuli Doc; “una novità – ha aggiunto il vice Martines – che dà valore aggiunto alla manifestazione, concepita anche “come piazza del dibattito sulle qualità ed eccellenze del territorio”.

Il prima convegno di palazzo Torriani è stato incentrato sulla presentazione del romanzo di Laura Codutti “Come l’acqua” (Filacorda editore) che si avvale, in un raffinato scambio reciproco di richiami tra parola scritta e immagini, delle fotografie del padre Sergio, ad della Codutti spa di Passons di Pasian di Prato con la passione per la fotografia. E’ poi seguita la degustazione di acque del territorio (Goccia di Carnia e Paradiso) a cura di Roberto G. Bertotti.

“Con questa iniziativa – ha dichiarato Giovanni Claudio Magon – abbiamo ribadito la disponibilità delle imprese del territorio non solo a farsi coinvolgere ma a coinvolgere la città con le nostre competenze e iniziative”, mentre Marino Firmani, coordinatore del progetto di turismo industriale, ha ricordato come, accanto all’attività convegnistica, Confindustria Udine è presente a Friuli Doc anche con l’esposizione nell’antisala Ajace dedicata al progetto “Alle sorgenti produttive: il turismo di scoperta economica”, inaugurata poi nel tardo pomeriggio per restare aperta al pubblico venerdì, sabato e domenica (ore 10-22). Esporranno un prodotto che al meglio le rappresenti le tredici aziende facenti oramai parte del circuito di turismo industriale (Calligaris, Fantoni, Morgante, Moroso, Quality Food Group, Snaidero, t&t Telematica e trasporti, Tonon, Tonutti, Ville Plus e Wolf Sauris, SAF Autoservizi FVG e Birra Castello). Domani, alla Moroso, ore 15.30, sarà anche possibile visitare l’azienda.

Chiudiamo ricordando che domani venerdì 17 settembre, alle ore 17, nel cortile della Torre di Santa Maria, in un incontro moderato da Marino Firmani, parleranno sul tema dell’acqua Cesare Strisino, del Consorzio per lo Sviluppo Industriale dell’Aussa-Corno (“L’Acqua e le vie d’Acqua: un motore per l’economia del territorio”), Adriano Stocco, di Instalmec (“Acqua… a peso di petrolio”) e Loris Clocchiatti, di Le Ville Plus (“Casa Zero Energy: la casa del futuro è qui”). Infine sabato 18 settembre, alle ore 18, sarà la volta dell’ultimo incontro, moderato da Giuliana Quendolo, cui prenderanno parte la fotografa Ulderica Da Pozzo (“Acqua dolce, acqua salata”), Manuela Bazzocchi, di M. C. Management Consulting (“Acqua Sicura: la norma ISO 22000:2005”), Umberto Sistarelli, di Studio Tecnici Associati e Gabriele Cocinelli, di KMC srl tecnologia ambientale (“SAF: Recupero e trattamento delle acque meteoriche e reflue”) e Giuseppe Micucci, di Birra Castello (“Conosciamo Birra Castello”).

Lascia un commento

1.143