Bearzi

Fvg-Cina: spin-off di Elettra Sincrotrone entra nel mercato Shanghai

Zambelli, grazie a missione Fvg rafforzati contatti per future
collaborazioni e investimenti

Shanghai, 8 dic – “Elettra Sincrotrone Trieste, attraverso la
sua spin-off Kyma srl, ha fornito recentemente a Shanghai due
ondulatori del valore di un milione di euro: si tratta di una
novità assoluta perché finora mai erano state vendute in Cina
macchine del genere, che solitamente vengono prodotte in loco:
dunque la già buona presenza sul mercato nella Repubblica
Popolare cinese ora, grazie alla missione istituzionale guidata
dalla presidente Serracchiani, verrà rafforzata sul versante
delle collaborazioni tra istituti di ricerca in virtù della
presentazione del sistema Fvg presso i vertici della University
of Chinese Academy of Science”.

E’ questo il bilancio della missione in Cina tracciato dal
coordinatore generale di Elettra Sincrotrone Trieste, Mauro
Zambelli, che ha partecipato alla delegazione
economico-istituzionale guidata da Serracchiani anche come
rappresentante di Area Science Park.

“E’ stato centrato lo scopo di questa visita, ovvero quello di
costruire una più stretta collaborazione tra istituzioni
scientifiche cinesi innovative e centri di eccellenza nella
regione di Shanghai e gli istituti di ricerca del Friuli Venezia
Giulia, attraverso la creazione di opportunità di finanziamento
congiunte per coltivare e rafforzare le collaborazioni e per
incoraggiare il coinvolgimento di aziende locali e cinesi”, ha
spiegato Zambelli.

Nell’ambito degli scambi Italia-Cina, Elettra Sincrotrone Trieste
prevede una forte opportunità di proficue interazioni con due
istituti di ricerca in particolare: l’Institute of high energy
physics (Ihep) della Chinese Academy of Science di Pechino, che
gestisce il Beijing electron positron collider (Bepc) e il
Beijing synchrotron radiation facility (Bsrf) e sta attualmente
pianificando di costruire una completamente nuova Beijing
advanced photon source (Baps) e, a Shanghai, lo Shanghai
synchrotron research facility (Ssrf) di cui una delegazione ha
visitato i laboratori di Basovizza nel settembre scorso.

In parallelo, recentemente un gruppo di scienziati Elettra che
lavorano nel campo delle scienze della vita si è recato in visita
allo Shanghai Istitute for advanced immunochemichal studies
(Siais) dell’Università di ShanghaiTech e all’Institute of system
medicine (Ism) nel Suzhou Industrial Park (Sip) a Suzhou, città
della provincia dello Jangsu.

“Accanto alla collaborazione scientifica, Elettra Sincrotrone
Trieste – ha spiegato Zambelli – è in grado di offrire diversi
servizi tecnologici agli istituti e strutture cinesi attraverso
il suo affermato Industrial liaison office (Ilo). Tali servizi
sono diretti alla progettazione e alla gestione di linee di luce
e laboratori avanzati, compresa la fornitura di tutti i
componenti, gli accordi con le industrie e l’installazione, la
formazione e il supporto post-installazione”.

Dal punto di vista industriale, Kyma, lo spin-off di Elettra
altamente specializzata nella realizzazione di dispositivi di
inserimento per sorgenti luminose, è particolarmente attiva nel
mercato cinese, avendo fornito i suoi prodotti all’Università di
Scienza e Tecnologia di Huazhong a Wuhan e al National
Synchrotron Radiation Laboratory dell’Università di Scienza e
Tecnologia della Cina a Hefei. Kyma ha inoltre un contratto
esclusivo con un’importante azienda manifatturiera a Yantai per
la produzione di blocchi magnetici di alta qualità.
ARC/EP/ppd

Powered by WPeMatico

facebook
1.129