Bearzi

Fvg-Ue: Torrenti, Eusalp opportunità per giovani in aree montane

Monaco di Baviera (Ger), 23 nov – Collaborazione
internazionale, digitalizzazione e progetti transnazionali ma
anche favorire il ruolo dei giovani nel loro sviluppo. Sono stati
questi i temi sui quali si è incentrata la cerimonia di apertura
del primo Forum annuale della strategia dell’Unione europea per
la Regione Alpina (Eusalp) tenutosi a Monaco di Baviera, in
Germania, ed al quale hanno partecipato, in rappresentanza del
Friuli Venezia Giulia, l’assessore regionale alla Cultura, Gianni
Torrenti, e il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop.

Nel corso dell’evento è stato rimarcato come l’Eusalp non si
limiti a favorire politiche di collaborazione transnazionali per
le aree dell’arco alpino ma, piuttosto, promuova l’interazione
tra queste ultime e i territori limitrofi con ricadute positive
anche a medio e lungo termine. Intervenendo sul tema, il
commissario europeo per la Politica regionale, Corina Cretu, ha
sottolineato che le azioni sviluppate nell’ambito di Eusalp
influiscono positivamente sul futuro delle prossime generazioni
ed è quindi necessario sfruttare le opportunità offerte dai
risultati ottenuti finora per affrontare le prossime sfide che
travalicano i confini nazionali.

In merito al ruolo dei giovani, Torrenti, a margine dell’evento,
ha sottolineato che “il loro coinvolgimento in questi progetti è
fondamentale perché la progettazione non può prescindere da
iniziative nate dalla loro capacità d’innovazione. Gli spin off
universitari, le start up e le imprese creative, ma anche altre
modalità di lavoro che riguardano in particolare agricoltura,
ambiente ed energia, devono essere affidati a ragazzi meritevoli
ed avere un supporto forte dalle istituzioni”.

Focalizzando l’attenzione sugli obiettivi di Eusalp, Torrenti ha
evidenziato la necessità di “rivolgersi ai ragazzi che trovano
nella montagna obiettivi e spazi che, se connessi alla pianura
come previsto dalla macrostrategia europea con infrastrutture
adeguate anche sotto il profilo digitale, permettono di lavorare
in modo innovativo in spazi ricchi di tradizioni, conservando i
ritmi di lavori montani e favorendo una ecosostenibilità
complessiva”.

ARC/MA/fc

Powered by WPeMatico

facebook
757