Gara infuocata per l’equipaggio friulano Montico/Concina in terra d’Aragona.

giusy4.jpegLa Baja Spain è la terza delle sei prove del campionato europeo FIA BAJAS, l’equipaggio friulano composto da Angelo Montico e Giusy Concina, si è trovato a lottare ad armi impari contro veicolo decisamente più imponenti della loro RR450.I due friulani si sono distinti per aver cercato in ogni modo di arrivare in fondo alla competizione; il cui programma prevedeva quattro giorni di “battaglie” a suon di km di piste e carerecce nelle pianure semidesertiche della provincia Aragonesa. Il totale dei chilometri di gara era di 1487, tutti molto impegnativi, data anche la condizione climatica: caldo secco e tanta polvere. I concorrenti al via a bordo delle 4 ruote erano ben 120, provenienti da tutta Europa dal medio oriente e dal giappone, come vuole la tradizione per questo tipo di campionato. Sin da subito la pole position è andata alla squadra della BMW ufficiale, che ha sfidato continuamente la casa concorrente: la Rossa Mitsubishi. I due friulani hanno dimostrato grande determinazione, quando con il numero 63, sono partiti per la prova-prologo ad Alcañiz. Un fettucciato, polveroso, di 5,5km lungo il quale la visibilità era nulla; la partenza dei concorrenti a 30 secondi di distanza, ha reso ancor più difficile superare tutti gli ostacoli sapientemente predisposti dall’organizzazione su questo tracciato (dossi, panettoni, dirupi e pendenze laterali molto accentuate). Alla fine della prima prova le posizioni guadagnate erano ben 15, la polvere comunque è sempre stata presente e fattore determinante anche nelle tappe successive. Durante la seconda giornata di competizione, le prove cronometrate sono state tre: di 133km, di 94km e di 99km; nella prima prova l’equipaggio friulano ha raggiunto e superato a fatica, per la scarsa visibilità, ben due avversari, poi nella seconda prova, grazie a piste molto veloci le posizione recuperate hanno portato l’equipaggio in 29sima posizione generale. Soddisfazione per la dura fatica, che però è sfumata molto rapidamente, quando, un problema di perdita d’olio al motore della “Tremenda” RR450 ha costretto l’equipaggio al ritiro dalla gara dopo 22km della terza giornata, annullando così la brillante rimonta dei giorni precedenti. L’equipaggio friulano era inserito in una squadra con tre mezzi e nessuno è stato in grado di concludere la prova. Un bilancio decisamente negativo per il team, se si considera che l’auto condotta dal compagno di squadra Marc Blasquez è letteralmente andata a fuoco in seguito ad un cappottamento. La competizione, alla fine, ha visto il dominio della BMW X3 del Qatarino Nasser Al Attiyah, seguito a ruota dallo Spagnolo Nani Roma su Mitsubishi Evo.

giusy4.jpeg

giusy6.jpeg

giusy5.jpeg

giusy3.jpeg

giusy2.jpeg

giusy1.jpeg

facebook
1.830