Giorgio Poi sabato 30 luglio a Villa Manin

Villa Manin la musica magica e sospesa di Giorgio Poi, uno dei nuovi musicisti e cantautori italiani più apprezzati dalla critica e dal pubblico

La sua scrittura parla il linguaggio della poesia, su una musica che è magica e sospesa. Questo fine settimana a Villa Manin Estate protagonista Giorgio Poi, uno dei cantautori italiani più apprezzati da critica e pubblico: sabato 30 luglio il suo imperdibile concerto nel parco della Villa. Apertura porte alle ore 17:30, inizio ore 18:30.

Giorgio Poi, cantautore e musicista d’eccezione con alle spalle un’incessante attività dal vivo e proficue collaborazioni con artisti nella scena italiana e internazionale, dopo aver firmato anche la colonna sonora originale della serie Netflix Summertime, è tornato nel 2022 con il nuovo disco Gommapiuma, dalle atmosfere soffici e oniriche, che contiene anche un prezioso duetto con Elisa. L’appuntamento a Villa Manin è l’occasione per ascoltare in concerto i nuovi brani, oltre che i successi che lo hanno fatto amare dal pubblico. In apertura il giovane Davide Amati, che chitarra e voce presenterà il suo mondo musicale intimo ma all’opposto anche esplosivo, tanto interessante da farlo considerare uno degli emergenti da tenere d’occhio.

Nel parco proseguono anche gli eventi dedicati ai bambini con i Laboratori didattici, volti a valorizzare il patrimonio artistico, storico e naturalistico della Villa: sabato 30 luglio alle 10:00 torna il laboratorio “Botanica a colori”. Per info e prenotazioni bisogna contattare il bookshop di Villa Manin al numero 0432.821258 o alla mail [email protected]

Il programma completo di Villa Manin Estate 2022 e tutte le informazioni sono consultabili sul sito ufficiale www.villamanin.it. Vi ricordiamo che sono in vendita (online su Ticketone.it e nei punti vendita autorizzati) i biglietti per il tradizionale e imperdibile concerto all’alba, il più suggestivo tra tutti, in programma l’11 agosto alle 5:30 del mattino. A risvegliare il pubblico l’energia di Ditonellapiaga, fresca vincitrice del Premio Tenco, categoria “Miglior Opera Prima.