Telegram

Giornata Mondiale del Dormiresano

dormiresano.jpgUn pensiero, un appuntamento importante con la vita, una preoccupazione: sono tante le occasioni nelle quali molti di noi rischiano di passare notti insonni. Ma il sonno resta il nostro migliore alleato. Ecco perché, venerdì 14 marzo si celebra la Giornata Mondiale del Dormiresano, giunta in Italia alla sua 8a edizione e quest’anno di respiro mondiale.
Il Centro specialistico di Medicina del Sonno AIMS resterà aperto il pomerioggio di venerdì 14 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 e gli specialisti saranno a disposizione della popolazione per fornire le informazioni riguardanti il buon riposo notturno. Non solo, per chi vuol saperne di più sull’insonnia gli Esperti saranno disponibili anche in chat collegandosi a www.morfeodormiresano.it, dalle ore 08.00 fino alle 24.00 del 14 marzo.
E, sempre on line, sarà inoltre possibile sottoporsi al test “I tuoi pensieri vengono a letto a te?” per scoprire se le difficoltà a riposare sono occasionali oppure se sono un problema destinato a mantenersi nel tempo.

“Una giornata dedicata al dormiresano organizzata nel nostro paese per l’8° anno che vede l’AIMS ancora in prima fila per sensibilizzare gli italiani ad affrontare la loro insonnia e a rivolgersi al medico – sottolinea il Prof. Gian Luigi Gigli (Professore di Neurologia, Università di Udine). – Anche un’insonnia occasionale, se trascurata, può avere un impatto negativo sul benessere psico-fisico e, se il quadro clinico non viene riconosciuto e trattato dal medico, rischia di cronicizzare. Ecco perché quest’anno il nostro impegno sarà rivolto a tutti coloro che, per motivi differenti, soffrono di una carenza di sonno; lo faremo aprendo i centri AIMS al pubblico e dando la nostra disponibilità anche via web”.

Soffri di insonnia? Il disturbo è occasionale ed è legato ad una particolare situazione emotiva o lavorativa? Come si può affrontare al meglio la carenza di sonno? Chiedendo aiuto agli esperti.

Tutte le iniziative promosse da AIMS e da WASM sono supportate dal contributo istituzionale di sanofi-aventis e rappresentano un’occasione unica per i dodici milioni di italiani che fanno fatica a cadere tra le braccia di Morfeo e/o a riposare adeguatamente la notte, per avere informazioni corrette sui propri problemi e sulle migliori opportunità per affrontarli.

facebook

Lascia un commento

784