Giornata Mondiale del Rene: 11 Marzo 2010

giornata_del_rene
L’11 Marzo si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Rene, un grande evento di sensibilizzazione sulle patologie renali. Le previsioni indicano che entro la fine di quest’anno saranno due milioni e mezzo i pazienti in dialisi cronica a livello mondiale, tra cui più di cinquantamila in Italia. Proprio per sensibilizzare la popolazione sulla cura delle patologie renali e per diffondere importanti informazioni sulla diagnosi precoce, in questa Giornata Mondiale, giunta ormai alla sua quinta edizione, la Società Italiana di Nefrologia e la Fondazione Italiana del Rene organizzano numerose iniziative di prevenzione e informazione in decine e decine di città italiane. Se un’adeguata informazione è la prima regola della prevenzione, quest’anno per dare risonanza alla Giornata Mondiale del Rene è stata coinvolta come testimonial della Campagna la campionessa olimpica Federica Pellegrini. La Pellegrini, infatti, è protagonista di uno sport video e audio che sta andando in onda su un gran numero di emittenti televisive, radiofoniche e su un circuito video di autobus, metropolitane e cinema.
I reni svolgono un lavoro silenzioso ma di grande importanza ma purtroppo quando si ammalano non è facile accorgersene. Per prevenire e curare le malattie renali i nefrologi pertanto danno i seguenti consigli ed informazioni :
1. I reni sono organi che si possono deteriorare, spesso senza dare alcune segno o sintomo per cui è necessario una volta all’anno:
• Misurare la pressione arteriosa
• Effettuare l’esame delle urine
• Quando ve ne sia il bisogno, conoscere il valore della creatinina nel sangue ed
• Effettuare una ecografia renale
2. I soggetti a rischio di malattia renale sono:adulti con età superiore a 60 anni, ipertesi, diabetici, obesi, individui con familiarità per malattie renali e coloro che fanno uso di farmaci antiinfiammatori.
3. Nella fase ultima della malattia renale (insufficienza renale terminale) gli unici rimedi sono la dialisi e/o il trapianto.
4. La progressione del danno renale si può rallentare con l’uso di farmaci dotati di azione renoprotettiva, sia perché controllano la pressione arteriosa, sia perché riducono la proteinuria.
5. Il controllo della malattia renale è fondamentale perché migliora la prognosi cardiovascolare (chi è malato di reni soffre spesso di malattia cardiaca).
6. Prevenire si può:evitare stili di vita errati, evitare l’uso di farmaci nefrotossici, curare bene il diabete e la pressione arteriosa significa bloccare l’evoluzione del danno renale verso la dialisi.
7. In caso di malattia renale è consigliabile rivolgersi allo specialista nefrologo
La SOC di Nefrologia ,Dialisi e Trapianto Renale della Azienda Ospedaliero Universitaria”S.Maria della Misericordia” partecipa a questa a Giornata Mondiale attraverso alcuni interventi sui media locali e con un incontro di informazione e prevenzione a favore degli alunni del Liceo Scientifico Statale ”N.Copernico”.

Lascia un commento

314