Bearzi

Giro del Friuli dilettanti: a Gava la tappa, Ravaioli leader

Arrivo_2aCordovado (Pordenone) – E’ Maurizio Gava dell’Eurovelo Cicli a imporsi in volata sul traguardo di Cordovado, epilogo della seconda tappa del 37° Giro ciclistico internazionale del Friuli Venezia Giulia (partita da Staranzano), organizzato dal Gruppo ciclistico del Friuli Venezia Giulia del presidente Nevio Cipriani sotto l’egida dello Csain-Udace. Gava arriva a braccia alzate davanti al compagno di squadra Ivan Ravaioli, che mantiene la maglia rosa conquistata ieri a Staranzano. La maglia ciclamino viene indossata ancora da Roberto Pagnin del Barbariga e la verde da Jure Robic, sempre del Barbariga.

La cronaca – Al chilometro 4 attaccano una decina di unità, tra cui la maglia ciclamino Roberto Pagnin del Barbariga, ma l’azione non va in porto e il gruppo, tirato dalla maglia verde Jure Robic del Barbariga, chiude. Poco dopo prova l’allungo l’iridato Andrea Mascheroni del Team Chiappucci System Cars, ma il plotone non lo lascia andare. Subito rilanciano Roberto Pagnin del Barbariga, Uros Oven della Turbo, Gianmario Rovaletti del Team Chiappucci System Cars e Giuliano Lenarduzzi del Chiarcosso Help Haiti, su cui rientrano Diego Palamin del Cicli Spezzotto Dream Team, Maurizio D’Incà dell’Eurovelo Cicli, Ottorino Schiavo dello Zeromeno, Andrea Sist della Spinacé e Tadej Blatnik del Bicikel.com. Al chilometro 12 il gruppo torna compatto e quasi subito altri atleti cercano inutilmente l’allungo. In contropiede se ne vanno Salvatore Sarnataro del Team Chiappucci System Cars, Marco Dessoni del Cicli Spezzotto Dream Team, Stefano Tommasini del Chiarcosso Help Haiti ed Emanuel Gavagnin del Gruppo ciclistico Fvg. A loro si aggiungono altri atleti, ma al chilometro 17 il gruppo chiude. A Grado esce da solo Maurizio D’Incà dell’Eurovelo Cicli, ma il suo tentativo dura poche pedalate. Al chilometro 29 allungano Andrea Sist dello Spinacé, Giuliano Lenarduzzi del Chiarcosso Help Haiti, Andrea Mascheroni del Team Chiappucci System Cars e Andrea Tosolini del Cicli Spezzotto Dream Team.  Poco dopo Andrej Marovt del Barbariga, Roberto Rampado del Barbariga e Maurizio D’Incà dell’Eurovelo Cicli vanno al contrattacco. Andrej Komac del Team Eppinger Saab esce dal gruppo e aggancia i tre inseguitori. I battistrada viaggiano con 12’’ di vantaggio sui quattro e con 30’’ sul gruppo al chilometro 31. Attorno al chilometro 36 i battistrada vengono raggiunti dagli inseguitori. Gli otto viaggiano con 34’’ di vantaggio. Al chilometro 42 al contrattacco esce dal gruppo Ennio Salvador del Team Salvador Rdz. Il plotone riaggancia Salvador e si organizza per inseguire i battistrada, cominciando a guadagnare secondi. La fuga verrà annullata al chilometro 65. La gara continua con una girandola di continui scatti e controscatti che hanno però breve durata. Attorno al chilometro 95 in testa si forma un quintetto composto da Andrea Sist dello Spinacé, Blaz Omahen del Turbo, Claudio Chiappucci del Team Chiappucci System Cars, Ales Heren del Cicli Spezzotto Dream Team e Moreno Buso dello Zeromeno, a cui si aggiunge quasi subito Davide Bedon del Blubike. Al loro inseguimento si porteranno diversi corridori, che non riusciranno però nell’aggancio e saranno riassorbiti dal gruppo. La situazione cambia ancora e a meno di cinque chilometri dal traguardo in testa restano Chiappucci, Heren, Buso e Omahen. Quando mancano circa 3 chilometri Heren se ne va da solo, mentre il gruppo si riporta sugli altri tre. In vista dell’ultimo chilometro il gruppo chiude sul fuggitivo. Tutto si decide allo sprint che parte attorno ai 400 metri. Il resto è storia già raccontata.

Alle premiazioni sono intervenuti il gruppo folkloristico musicale Gioia, il sindaco di Cordovado Francesco Toneguzzo, l’assessore comunale allo Sport Paolo Vernier e Fabrizio Scarda, direttore della filiale di Cordovado della Friuladria.

E anche oggi per gli amanti del pedalare piano c’è stata a Cordovado una manifestazione cicloturistica. Domani terza frazione: la Cordovado-Treppo Grande di 99 chilometri.

CLASSIFICA SECONDA TAPPA: 1) Maurizio Gava (Eurovelo Cicli), 2) Ivan Ravaioli (idem), 3) Roberto Pagnin (Barbariga), 4) Andrea Mascheroni (Team Chiappucci System Cars), 5) Michele Del Bianco (Cima Siai), 6) Uros Komac (Bicikel.com), 7) Uros Oven (Turbo), 8) Moreno Buso (Zeromeno), 9) Giuliano Lenarduzzi (Chiarcosso Help Haiti), 10) Paolo Sclisizzi (De Luca).

CLASSIFICA GENERALE: 1) Ivan Ravaioli (Eurovelo Cicli) 4.38.52, 2) Roberto Pagnin (Barbariga) 00.00.04, 3) Andrea Mascheroni (Team Chiappucci System Cars) 00.00.07, 4) Marco Vallante (idem) 00.00.08, 5) Michele Del Bianco (Cima Siai) 00.00.08, 6) Tomaz Kalisnik (Bicikel.com) 00.00.08, 7) Stefano Tura (Blubike) 00.00.08, 8) Uros Komac (Bicikel.com) 00.00.08, 9) Moreno Buso (Zeromeno) 00.00.08, 10) Giuliano Lenarduzzi (Chiarcosso Help Haiti) 00.00.08.

CLASSIFICA A PUNTI: 1) Ivan Ravaioli (Eurovelo Cicli) 45, 2) Roberto Pagnin (Barbariga) 36, 3) Andrea Mascheroni (Team Chiappucci System Cars) 30, 4) Maurizio Gava (Eurovelo Cicli) 25, 5) Michele Del Bianco (Cima Siai) 21, 6) Marco Vallante (Team Chiappucci System Cars) 18, 7) Moreno Buso (Zeromeno) 16, 8) Stefano Tura (Blubike) 15, 9) Tomaz Kalisnik (Bicikel.com) 12, 10) Giuliano Lenarduzzi (Chiarcosso Help Haiti) 11.

CLASSIFICA GPM: 1) Jure Robic (Barbariga) 5, 2) Michele Mascheroni (Team Chiappucci System Cars) 3, 3) Andrea Sist (Spinacé) 1.

Foto: Paolo Sant

facebook

Lascia un commento

990