Bearzi

Giro FVG dilettanti: Merlo prende tappa e maglia

Alessandro Merlo, del Maggi Team Anima, si è imposto nella seconda tappa del Giro del Friuli riservato agli amatori, che da Staranzano giungeva a Varmo dopo 98 km. Merlo ha preceduto sul filo di lana lo sloveno Oven Uros, del team Peklenk, e Alberto Casagrande dell’Eurovelo Cicli. Una tappa, quella odierna, che nonostante il gran caldo e una deviazione del percorso che ha costretto i corridori ad oltrepassare il muro delle 2 ore, non ha tradito le attese. Ritmo elevato fin dai primi chilometri e gruppo compatto per buona parte di gara. La fuga decisiva a metà percorso con Michele Mascheroni, del Team Chiappucci El Diablo, che da l’avvio all’azione ben supportato da Ales Hren della Cicli Spezzotto Dream Team. Ai due fuggitivi si accodano 17 corridori, tra i quali Merlo, Uros e Casagrande oltre a Gavagnin, del Gruppo Ciclistico FVG, Salvador del Team Salvador RDZ e Mininel del Team Chiarcosso. Il gruppo, guidato dalla maglia rosa Riccardo Tarlao, lascia fare e la fuga guadagna secondi preziosi presentandosi a Bertiolo con 1’ 50’’ di vantaggio. Lenarduzzi e Zanetti non riescono a tenere la ruota dei migliori che a 10 km. dall’arrivo possono gestire 2’ e 20” sul resto del plotone. Non c’è grande accordo tra i fuggitivi, ma l’arrivo di Varmo è ormai alle porte e sarà volata a ranghi ristretti. Sul vialone principale è sprint generale con Merlo che precede di mezza bicicletta Uros e Casagrande. Con il successo odierno, che si aggiunge al terzo posto della prima frazione del Giro, il portacolori del Maggi Team Anima conquista anche la maglia rosa seppur in compagnia di Casagrande. Quella del miglior scalatore resta sulle spalle di Michele Rezzani. Domani terza frazione, da Cordovado a Montenars di 87 km. Un percorso ricco d’insidie e adatto a colpi di mano. Sicuramente una tappa che sconvolgerà la classifica generale in vista del tappone di sabato con la temibile ascesa di Chiaulis ed il circuito finale di Venzone ad attendere la carovana del Giro.

facebook

Lascia un commento

480