Gli studenti reinventano il souvenir made in Fvg

udinecittà-4

Reinventare il classico souvenir per raccontare in modo diverso e accattivante il Friuli. Ci hanno provato i ragazzi delle scuole superiori delle province di Udine e Pordenone partecipando al concorso “Souvenir makers”, promosso da Confartigianato-Imprese Udine e Fondazione Friuli nell’ambito delle attività del progetto Mani. I giovani studenti hanno ideato nuove proposte di “oggetti-ricordo”, reinterpretando il concetto di souvenir con l’obiettivo di valorizzare il territorio e l’artigianato della nostra regione.

Dei 155 progetti presentati da ben 11 istituti scolastici e di formazione, la commissione ne ha promossi dieci alla fase finale che li vedrà tradurre l’idea sulla carta in oggetto reale grazie alla collaborazione delle botteghe artigiane.

Ce n’è per tutti i gusti: dai gioielli dialettali alle t-shirt che valorizzano la pianta stellata di Palmanova, dal tagliere a forma Fvg allo schiaccianoci ripensato (in calce tutte le proposte progettuali).

Tre dei dieci finalisti saliranno sul podio e si aggiudicheranno rispettivamente un premio di 600 euro (il primo classificato),  di 400 euro il secondo e di 200 euro il terzo, mentre all’istituto di appartenenza di ciascuno dei vincitori andrà un premio in attrezzature e supporti didattici del valore di 300 euro. Grazie infine a una votazione online, aperta a tutti, sarà possibile dare la propria preferenza a uno dei 10 finalisti: il progetto più votato si aggiudicherà un premio del valore di 200 euro.

A eleggere i dieci finalisti è stata una commissione composta da Marco Marangone, designer e Presidente di ADI Fvg; Riccardo Sgarlata, Referente Area Marketing e Comunicazione per Promoturismo Fvg; Simona Martino, architetto e co-fondatrice di Craftabile Srl, Federico Cacciapuoti, artigiano del settore serigrafico titolare della “Bottega Creativa” e membro del Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato Udine; Imo Bertolla, artigiano del settore legno, Presidente del Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato Pordenone; Katia Masotti, Referente per la Fondazione Friuli.

 

 

Ecco i lavori che verranno realizzati con l’affiancamento degli artigiani:

 

  • Progetto M-A-N-D-I: set di gioielli “dialettali”, ricavati convertendo le onde sonore di alcune parole della lingua friulana (realizzato dallo IAL di Pordenone, Scuola di Artigianato Digitale classe 1° 3D, gruppo composto da Milena Busi, Mikele Jera, Ali Yamini, coordinato dal professor Nicola Benedet)
  • Progetto NOVASTELLA: coppia di t-shirt che valorizza la pianta della città stellata di Palmanova (realizzato dal Liceo Artistico “G. Sello”, classe 3G Design Moda, gruppo composto da Alessia Casasola e Vania Dai e coordinato dalla prof.ssa Anna Pontel)
  • Progetto PUZZLE: tagliere che nasce dalla geometrizzazione della forma della cartina del Friuli-Venezia Giulia (realizzato dall’Istituto D’Arte “E. Galvani”, classe 5D, realizzato dalla studentessa Anna Ceschin seguita dal professor Gino Fasan)
  • Progetto CRICHERCOCULIS: schiaccianoci arcaico personalizzato con scritte in friulano e proverbi (realizzato dall’ISIS “B. Carniello” di Brugnera, classe 5B, gruppo composto da Monica Viel e Irene Bonazza, coordinato dal prof. Mariantonio Borsetti)
  • Progetto FRIULTOUR: modellini di varie attrazioni del Friuli con codice QR integrato affiancato ad una mappa online (realizzato dall’ISIS “A. Malignani”, sede di San Giovanni al Natisone, classe 3 leFP, gruppo composto da Simone Noselli e Nicola Marussi, coordinato dal professor Dario Del Zotto)
  • Progetto FREEUL: gadget che ripropone la forma del Friuli utilizzabile come portachiavi ed apri bottiglie (realizzato dallo IAL di Pordenone, Scuola di Artigianato Digitale classe 1° 3D, gruppo composto da Christian Fucini, Arbi Nuredini, Kevin Rukaj coordinato dal professor Nicola Benedet)
  • Progetto BRA?ALET MIRAMARE: bracciale rigido da polso, il cui design richiama la struttura del Castello di Miramare (realizzato dall’Istituto D’Arte “E. Galvani”, classe 5D, realizzato dalla studentessa Jessica Moro seguita dal professor Gino Fasan)
  • Progetto ARTE IN CUCINA: set di accessori tessili da cucina con decorazioni che richiamano il pavimento musivo della Basilica di Aquileia (realizzato dal Liceo Artistico “G. Sello”, classe 3G Design Moda, gruppo composto da Chiara Amatori, Lisa Foschia, Caterina Ravazzolo, coordinato dalla prof.ssa Anna Pontel)
  • Progetto CANOLÈ: set di gadget in plastica che raffigurano parti di alcuni edifici storici del Friuli utilizzabili per scattare delle foto ed anche come portachiavi (realizzato dallo IAL di Pordenone, Scuola di Artigianato Digitale classe 2° 3D, gruppo composto da Nicola Cella, Andrea Da Prat, Filippo Mariani coordinato dal professor Nicola Benedet)
  • Progetto CLÂF: set di tre chiavette usb che riprendono le forme di alcuni monumenti friulani (realizzato dall’Istituto D’Arte “E. Galvani”, classe 5D, realizzato dalla studentessa Giorgia Clarotto seguita dal professor Gino Fasan)

 

 

facebook
2.775