Bearzi

Udinese-Fiorentina ore18 a porte chiuse. Gotti: “Tiriamo fuori le nostre motivazioni”

Udinese-Fiorentina si giocherà (come previsto) sabato pomeriggio alle ore 18 e a porte chiuse.

E’ stata la Lega calcio a confermare la decisione che era stata presa dal Governo, decisione di chiudere la partita di Udine (come altre 4 gare di serie A) ai tifosi per i rischi legati al Coronavirus. Nessuna deroga o rinvio, quindi, come era stato chiesto dai friulani per far giocare la partita in un’altra data e aprire così lo stadio al pubblico.

Le parole del Mister alla vigilia della sfida con la Fiorentina

Domani si torna in campo per una partita importante e allo stesso tempo delicata, dato che c’è poca distanza in classifica tra le due compagini e l’Udinese va alla ricerca del primo successo nel girone di ritorno.
Questo aspetto ha un po’ condizionato l’inizio settimana perché abbiamo lasciato Bologna con il rimpianto dei punti persi, ci pesa non aver ancora preso la posta piena in questo girone di ritorno. Poi questo rimpianto è stato superato da una settimana anomala per i motivi che conosciamo. Noi abbiamo cercato di occuparci unicamente di quello che dobbiamo fare: del campo e dell’affrontare al meglio questa partita.

Che Fiorentina si aspetta? Una squadra che ha fatto 4 punti nelle ultime 4 partite, che ha cambiato tanto nel mercato di gennaio. Nella sua ultima trasferta ha superato per 5-1 la Sampdoria.
È una squadra di qualità, ha giocatori forti. Il mercato di gennaio ha mostrato che la società vuole tornare ai fasti di un tempo. Immagino che sarà una partita complicata, con una squadra molto attenta alla fase difensiva, molto brava nel ripartire. Ci sono almeno 4/5 giocatori che possono rilanciare l’azione e trasformarla velocemente da difensiva a offensiva. A nostra volta dovremmo affrontare questa partita con le dovute precauzioni.

Come sta preparando questa partita senza pubblico?
Questa squadra ha già dato in diverse occasioni prova di sentire il calore del pubblico e di sentirsi vicina ad esso. Credo che l’apporto della nostra gente sia una componente positiva. I punti presi in casa finora sono stati di più rispetto a quelli in trasferta. Dovremo tirare fuori le motivazioni da dentro noi stessi e cercare di affrontare al meglio questo contesto anomalo, con lo svantaggio da parte nostra di non poter contare sulla presenza del pubblico amico.

facebook
488