Webcam

Artwork_Manzarek
Per la serata inaugurale saliranno sul palco del Festival due leggende planetarie come RAY MANZAREK & ROBBY KRIEGER, i due musicisti che mettevano in note le poesie maledette del Re Lucertola.
A 40 anni dalla scomparsa dell’indimenticabile Jim Morrison, i due co-fondatori dei DOORS hanno preparato un nuovo straordinario tour per riportare sui palchi europei i capolavori della band che ha segnato pagine indelebili nella storia della musica.
Dopo nomi dal grande impatto mediatico, non ultimo Ian Astubury, sarà DAVE BROCK a prendere in mano il microfono. Vi ricordate il film “Rockstar”, dove il cantante della tribute band più famosa e amata viene scelto da quella stessa formazione per sostituire il leader dimissionario? È esattamente quello che succede oggi con i DOORS. Dave Brock, letteralmente adorato dagli innumerevoli fans della band e da molti additato come unico vero possibile erede dell’arte di Jim Morrison, realizza il suo sogno dopo venti anni passati alla guida dei Wild Child.
Quella a cui assisteremo a Grado domani sera (apertura porte ore 20:00, inizio concerto ore 21:30) sarà un live unico con tutto il repertorio storico del band californiana, da Light My Fire a Riders On The Storm, da Roadhouse Blues a Waiting for the Sun. Sul palco della Diga Nazario Sauro con Ray Manzarek, Robby Krieger e Dave Brock, anche Phil Chen al basso e Ty Dennis alla batteria.

Il “GRADO FESTIVAL OSPITI D’AUTORE” proseguirà giovedì 14 luglio con il concerto di MAURO ERMANNO GIOVANARDI, uno dei personaggi di spicco delle scene musicale alternative. Inizialmente con i Carnival of Fools, band storica dell’underground italiano nei primi anni ’90 e poi affermatosi al grande pubblico con i La Crus.
Seguirà mercoledì 20 luglio il concerto di NICCOLÒ FABI, uno dei cantautori più ricercati e apprezzati dell’intero panorama musicale italiano.
Il giorno successivo sarà la volta invece di un inedito incontro tra uno dei più sorprendenti e innovativi compositi della nuova scena, REMO ANZOVINO, e una vera icona del rock come FRANZ DI CIOCCIO. Il risultato è un turbinio di idee, note, parole ed emozioni che portano a un progetto dall’ampio respiro internazionale, ma dal grande cuore tutto italiano.
Tutto da gustare l’appendice del Festival con il concerto in programma martedì 26 luglio (ingresso libero) nella Basilica di Sant’Eufemia. IL CORO POLIFONICO DI RUDA presenterà Le origini romantiche dell’Europa tra mito, sogno e spiritualità con le musiche di Schubert, Rossini, Mendelssohn, Strauss e Saint Saens per un crescendo di suoni coinvolgenti con le sonorità bronzee che solo un coro maschiale sa rendere fin nei minimi particolari.
Giovedì 28 luglio infine la grande chiusura con RAPHAEL GUALAZZI, astro nascente della musica italiana. Dopo la vittoria al Festival di Sanremo, categoria Giovani, con il brano “Follia d’Amore”, l’emergente artista marchigiano ha conquistato un prestigioso riconoscimento anche in campo internazionale, aggiudicandosi il secondo piazzamento all’Eurovision Song Contest di Berlino, esportando fuori dai confini nazionali la sua fusione tra jazz & blues.

I biglietti (ingresso unico 35,00 euro) per il primo sensazionale appuntamento del Festival sono ancora in vendita e dalle ore 18:00 di domenica 10 luglio si potranno acquistare direttamente alla biglietteria della Diga Nazario Sauro. Per gli altri concerti si trovano anche nei punti vendita autorizzati Azalea Promotion e nel circuito online www.ticketone.it

facebook

Lascia un commento

400