Grado: rimane accessibile il varco del Parco delle Rose e la strada fronte spiaggia

Alla luce della nuova ordinanza del Presidente Fedriga, spiega il primo cittadino di Grado Dario Raugna, ritengo di non dover chiudere il varco del Parco delle Rose né la strada fronte spiaggia. Nastreremo le aree verdi, anche se non si sono riscontrate criticità di su assembramenti di persone.

Attualmente per collegare la Città Giardino e Pineta al Centro ci sono quattro vie d’accesso: la Strada Provinciale 19, Viale dei Moreri, la strada del Parco delle Rose e il Lungomare.

Se chiudessimo il lungomare e il Parco delle Rose, il risultato sarebbe che pedoni e biciclette che si spostano per necessità affollerebbero le due vie rimaste aperte, creando una concentrazione di persone. Meglio mantenere quattro accessi dividendo i flussi.

Aggiungo una considerazione, il problema della frequentazione degli spazi pubblici (giardini, Parchi) riguarda soprattutto le grandi città, dove ci sono pochi spazi pubblici e tante persone. Finora questo problema non si è riscontrato a Grado, dove abbiamo la fortuna di godere di un territorio vasto con pochi abitanti. Se ci dicono che la distanza di rispetto all’esterno è di un metro, noi volendo ne riusciamo a garantire anche cento. Occorre tassativamente restare a casa se non per comprovati motivi ben specificati nell’autocertificazione. Ma cerchiamo di non perdere di vista la ratio che ha ispirato questo inasprimento, ripeto, soprattutto rivolto alle città. In queste ore stiamo facendo delle valutazioni sull’eventuale chiusura del cimitero, vorrei non arrivare a tanto per ovvi motivi, ma molto dipenderà dalla nostra autodisciplina figlia del buon senso.

607