Bearzi

Graphistudio Tavagnacco 3-1 alla Riozzese

Riozzo (Cerro al Lambro) – La Graphistudio Tavagnacco espugna il difficile campo della Riozzese e si rilancia prontamente in classifica consolidando il terzo posto alle spalle di Torres e Bardolino. Gara difficile per le friulane al cospetto di una squadra, quella lombarda, tenace ed energica dal primo all’ultimo minuto. L’avvio di gara delle friulane è molto convincente grazie al nuovo assetto tattico a centrocampo che garantisce maggior fluidità alla manovra.

A trarne benefico è, in particolare Sara Di Filippo che al 17’ può servire una splendida palla centrale per l’inserimento della Mauro che, sola davanti al portiere, lo beffa con un preciso pallonetto per il vantaggio friulano. La Riozzese, nonostante lo svantaggio, continua a mordere le caviglie avversarie ed il gioco ristagna per lunghi tratti a centrocampo. La partita non offre grandi spunti di cronaca e la Graphistudio non corre grossi pericoli fino al duplice fischio del signor Iocovono che manda le due squadre negli spogliatoi. Alla ripresa delle ostilità la Graphistudio si dimostra squadra cinica, in grado di colpire al primo vero affondo. Questa volta è il portiere lombardo Gorno ad offrire su un piatto d’argento la palla del raddoppio, con un liscio clamoroso che regala a Brumana il più facile dei gol. Sul 2-0 la partita sembra decisa, ma le friulane mollano eccessivamente la presa, concedendo qualche spazio di troppo alle padrone di casa e, pochi minuti dopo arriva, puntuale, la punizione: Carpino, entrata a partita in corso, trova il varco giusto ed infila un’incolpevole Marcutti riaccendendo le speranze delle lombarde. La Riozzese ora crede nella rimonta e i minuti che seguono sono all’insegna della sofferenza per Donà e compagne. Ma, proprio nel momento più difficile, la squadra si compatta ritrovando ritmo e fluidità di manovra. Il centrocampo friulano riconquista terreno e controlla le sfuriate avversarie. La Riozzese ci prova fino alla fine, ma è ancora la squadra friulana a centrare il bersaglio, grazie ad una bella azione sulla fascia sinistra di Ilaria Mauro che si porta a spasso la difesa ospite e serve nel mezzo una bella palla a Brumana: il numero sette gialloblu controlla la sfera e la piazza in fondo al sacco con un pallonetto beffardo che vale il 3-1 finale e la doppietta personale. Dimenticato il passo falso con la Reggiana, la Graphistudio Tavagnacco riprende subito la corsa e lo fa in un campo difficile come quello di Riozzo. Una prestazione convincente che fa morale in vista del big match di sabato prossimo con la Torres.

Bearzi: “ Una vittoria importante per la classifica e il morale”

Edoardo Bearzi è soddisfatto della vittoria con la Riozzese, ma ancor di più per la reazione delle sue ragazze dopo lo scivolone interno con la Reggiana. “E’ stata una gara molto difficile, ma il risultato è giusto. Abbiamo meritato la vittoria giocando un buon primo tempo. Il nuovo assetto a centrocampo ha dato buoni frutti e le ragazze mi sono piaciute soprattutto nel primo tempo. Sul 2-0 dovevamo chiudere la partita, ma abbiamo mollato un po’ troppo e loro hanno trovato il gol. Abbiamo avuto una decina di minuti di sofferenza, ma la squadra si è ripresa bene, riconquistando terreno e portando a casa l’incontro”. Il tecnico friulano è già proiettato al prossimo impegno di campionato che vedrà le gialloblu impegnate nella difficile trasferta in Sardegna con la Torres: “E’ una vittoria molto importante, che da morale in vista della trasferta di sabato prossimo. Sarà di sicuro una gara emozionante e dall’esito incerto: noi ci crediamo”.

A.C. RIOZZESE 1
U.P.C. GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO 3
Marcatrici: 17’pt. Mauro, 3’e 47’st. Brumana, 10’st. Carpino (R).

Riozzese
Gorno, Valeri, Tonani, Piva, Sironi (37’ De Falco), Asperti, De Vicenzo, Lanzani, Mantuano (40’ Carpino), Perini, Piccinno.
All. Giovanni Lanzani
Graphistudio Tavagnacco
Marcutti, Stabile, Donà, Turra, Bissoli, Tommasella, Di Filippo, Gama, Brumana, Mauro, Battistin (22’st. Bucovaz).
All. Edoardo Bearzi.

Arbitro: Iocovono di Torino
Ammonite: Piva e Sironi (R)

Fonte : Marco Piva

facebook

Lascia un commento

742