Green Pass: come cambiano le regole dal 1° settembre

Da mercoledì 1 settembre cambiano le regole sul Green Pass.

Trasporti: obbligatorio sui trasporti a lunga percorrenza: aerei, treni ad alta velocità, Intercity e Intercity notte, autobus e traghetti che collegano le regioni. Eccezione per traghetti tra Messina e Reggio Calabria, considerati trasporto pubblico locale.

Non servirà esibirlo su autobus, tram, metro, funicolari cittadine, treni regionali.

Scuola: obbligatorio per il personale scolastico e universitario: maestri, professori, bidelli, personale tecnico e amministrativo, segretari, dirigenti scolastici. In università dovranno esserne in possesso gli studenti che vorranno frequentare le lezioni in presenza.
Il personale scolastico e universitario che non avrà il Green Pass sarà sospeso del rapporto di lavoro e dello stipendio dopo 5 giornate di assenza ingiustificata.

Mascherine per i bambini e i ragazzi dai 6 anni in su fatto salvo per le attività sportive e per le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso delle mascherine. I soggetti fragili avranno diritto a tamponi gratuiti.

Resta l’obbligo di esibire il Green Pass per accedere ai ristoranti al chiuso, al cinema, al teatro e a tutti gli spettacoli al chiuso, in palestra, ai centri benessere, ai parchi tematici, ai centri sociali e culturali (esclusione dei centri educativi per l’infanzia), alle sale scommesse, sale bingo e casinò, ai musei, nelle sagre, negli stadi, ai congressi, ai grandi eventi e ai concorsi pubblici.

929