Aperitivo a Grado
facebook

GUIDOLIN_UDINE20
“Non solo dobbiamo vivere alla giornata e quindi non fare calcoli, ma dopo ogni successo dobbiamo ripartire da zero”. E’ quanto ha dichiarato oggi Francesco Guidolin prima della ripresa della preparazione dell’Udinese in vista della sfida con il Catania, di cui non si fida per nulla. “Ogni settimana – ha detto ai giornalisti – provo a ‘resettare’ i miei, spero di riuscirci perchÈ nello sport ci sono pochi esempi di chi vince, dimentica, torna a vincere, dimentica e vince ancora: Valentino Rossi, Carl Lewis, prima c’era Eddy Merckx che i miei ragazzi perÚ non hanno mai visto all’opera”. L’artefice del boom del calcio bianconero continua a volare basso, evita di pronunciare la fatidica parola “Champions”, gli sfugge solamente “Europa”, anche perchÈ non puÚ nascondersi dietro un dito: l’Udinese è a più 11 dalla Juve, addirittura a più 13 dal Palermo. “E’ vero – ha ammesso – abbiamo un buon vantaggio ma il torneo Ë ancora lungo e queste due squadre hanno un potenziale importante e quindi sono in grado di vincere tre gare di seguito; e noi possiamo anche subire altrettanti tonfi consecutivi. Comunque della squadra sono pi? che soddisfatto, senza nasconderci – ha sottolineato Guidolin – dobbiamo riconoscere che abbiamo fatto qualcosa di importante”. Sta di fatto che in otto giorni qualcosa è mutato a favore dei bianconeri che da inseguitori ora sono lepri e hanno due punti in più della Lazio nella corsa alla Champions. “Per noi non cambia molto – ha ribadito il tecnico – avere uno, due, tre anche quattro punti di vantaggio quando in palio ce ne sono ancora 27. Chi temo di pi? tra Lazio e Roma? Ho già detto che non ritengo spacciati Palermo e Juventus, in ogni caso le due romane hanno un organico importante, specie quello della Roma, a mio avviso il migliore in assoluto. Comunque – ha proseguito – non vogliamo vanificare quanto di bello abbiamo fatto, vogliamo tenere sino in fondo, vogliamo allungare il pi? possibile questi momenti magici e ai ragazzi chiedo ancor più dedizione, ma non devono fare calcoli. Il campionato è durissimo, non esistono gare facili e con il risultati facili

336