Bearzi

udinese_Alkmaar-1

Guidolin in conferenza stampa “Daremo tutto perché possiamo arrivare ai quarti”. Di Natale potrebbe restare in panchina: “Non regge tre gare in una settimana”. Le immagini del volo, l’arrivo e la conferenza stampa

no images were found

Francesco Guidolin sa bene che l’Az Alkmaar, squadra che non fa parte dell’Olimpo europeo, è comunque avversario temibile. I rivali dell’Udinese negli ottavi di Europa League si esprimono al massimo soprattutto in casa: “La nostra avversaria – commenta Guidolin – guida la classifica della serie A olandese davanti al Psv. Sono una buona squadra, ma di certo noi ci teniamo a fare bella figura, siamo agli ottavi e siamo orgogliosi di quanto abbiamo fatto sinora. Vogliamo arrivare il più lontano possibile in questa avventura europea; però non siamo il Barcellona. Siamo l’Udinese con i nostri pregi e con i nostri difetti. Loro sono ben organizzati e manovrano in velocità”. Il tecnico dei bianconeri ha gli uomini contati, alcuni non sono al meglio fisicamente, come Asamoah e Di Natale che potrebbe partire dalla panchina. “Totò ha bisogno di recuperare, non regge le tre gare a settimana. Può entrare anche a partita in corso e cambiarla. Vedremo, comunque. Certo, in una stagione così lunga e faticosa, bisogna tenere conto anche dell’età dei giocatori e delle loro condizioni, di settimana in settimana” “Se firmerei un pareggio con un gol? Pensiamo a fare la gara di domani, che sarà fondamentale ai fini della qualificazione. E’ vero che ci manca qualche elemento, ma accettiamo le difficoltà, sono convinto che chi giocherà darà il massimo. Dei miei mi fido”.

Totò Di Natale dà grande credito all’Az: “Affrontiamo una grandissima squadra, se loro sono primi in classifica ci sarà una ragione. Sto meglio dopo l’infortunio subito contro il Milan, ho provato a giocare a Bologna ed è andata bene. So che devo convivere con il dolore. È giusto quello che dice il mister, tre partite a settimana sono tante a 34 anni, per cui non so se giocherò dall’inizio”. Sente la sfida anche il patron dei friulani Giampaolo Pozzo: “L’Europa League non è una competizione semplice perchè ci sono squadre di prestigio. In questo periodo non siamo molto fortunati, ma succede a tutte le squadre e bisogna accettare queste situazioni e tutti gli inconvenienti”.

facebook

Lascia un commento

1.882