udinese-glasgow-11
Francesco Guidolin ha deciso di ridisegnare la sua Udinese Calcio per la trasferta di Glasgow contro il Celtic FC; per la seconda partita del Gruppo I, infatti, il tecnico dei friulani ha deciso di far riposare il bomber Antonio Di Natale e Maurizio Domizzi.

udinese-glasgow-13

“Faremo una buona gara, nonostante le assenze – ha spiegato il tecnico dei friulani -. Se ne avessi avuto la possibilità, avrei scherato la formazione migliore, ma alcuni dei miei giocatori sono davvero stanchi. Le mie sono scelte dettate dalla necessità, ma non abbiamo nessuna intenzione di sottovalutare i nostri avversari. Il Celtic è un’ottima squadra, che mi ha ben impressionato”.

L’Udinese è al momento forte di due primati: quello in campionato, dove guida la classifica insieme agli altri bianconeri della Juventus con nove punti, e quello nel girone di UEFA Europa League – grazie alla vittoria contro lo Stade Rennais FC ottenuta due settimane fa. Se un po’ di turn-over è da mettere in conto, però, la squadra di Guidolin è anche alle prese con diverse assenze per infortunio – come Damiano Ferronetti, Andrea Coda, Floro Flores e Paulo Vitor Barreto.

A guidare l’attacco friulano in Scozia sarà dunque Diego Fabbrini, già in campo dal primo minuto contro il Rennes: “Senza dubbio è una partita importante per noi, cercheremo di fare una buona gara sperando di vincere”, ha detto il giocatore. “E’ difficile sostituire Totò perché è veramente forte, dobbiamo giocare uniti.

“Totò ti insegna molto, i suoi consigli sono molto utili ma ripeto, bisogna riuscire a farne a meno e pensare solo a questa partita; lui mi ha detto di giocare tranquillo, di fare la nostra partita per cercare di mettere in difficoltà il Celtic”.

Al Celtic Park gli scozzesi, che non vinono un momento d’oro, dovranno da parte loro fare a meno del difensore Kelvin Wilson. “Non credo che venire qui con tanti giovani sia una mancanza di rispetto – ha dichiarato il tecnico Neil Lennon -. L’allenatore dell’Udinese sa quel che fa ed è libero di decidere al meglio per la sua squadra. Non credo che i nostri avversari siano indeboliti dall’assenza di molti attaccanti, ma se dovesse essere così, tanto meglio per noi”.

facebook
651