HYPO BANK: SERRACCHIANI, AUSTRIACI PROSEGUONO CON IMMUTATA TRACOTANZA

Trieste, 30 set – “La condotta dei vertici austriaci di Hypo
Bank nei confronti dei soggetti istituzionali nazionali e
regionali prosegue con immutata tracotanza. Ci uniamo alla
valutazione del ministero dello Sviluppo economico sull’intento
delegittimante della banca austriaca”.

Lo ha affermato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia
Debora Serracchiani, dopo che i vertici di Hypo Alpe-Adria Bank
hanno confermato la loro volontà di non ammettere la Regione al
tavolo di confronto tra parte datoriale e rappresentanze
sindacali per la gestione della mobilità di 110 addetti. Il Mise,
a questo proposito aveva parlato di “un incomprensibile tentativo
di delegittimare l’importante ruolo di mediazione svolto dalle
istituzioni”.

“La Regione è istituzionalmente interessata a favorire un
incontro e una mediazione tra le parti – ha proseguito
Serracchiani – e la partecipazione a tavoli di questo genere è
ordinaria e mai soggetta a interdizione, proprio perché è
riconosciuto il ruolo terzo dell’Istituzione”.

“Vogliamo dare il nostro equo contributo a reperire una soluzione
il meno impattante possibile sull’occupazione e sull’economia del
territorio, perché questo è l’interesse pubblico, e il fatto di
essere un soggetto privato controllato da uno Stato estero non
dovrebbe esimere dall’assumersi qualsiasi responsabilità per le
macerie che si vogliono lasciare in Italia e nella nostra
Regione. Di tutto questo – ha concluso Serracchiani –
conserveremo amara memoria”.
ARC/RM/com

Powered by WPeMatico

454