I Messaggi Contrastanti Di Musk Sui Bitcoin Alimentano Le Ansie Sulle Criptovalute

Bitcoin, sembrava, era finalmente pronto per la prima serata. I prezzi aumentavano, le grandi società di pagamenti lo accettavano e miliardari come Paul Tudor Jones e Stanley Druckenmiler lo sostenevano come un investimento.

Ma ora che il CEO di Tesla Elon Musk sta segnalando che è improvvisamente diffidente nei confronti della criptovaluta, cosa significherà per il resto dell’America aziendale?

I commenti sorprendentemente negativi di Musk sull’enorme quantità di energia richiesta per estrarre bitcoin (XBT) arrivano dopo che Tesla (TSLA) ha acquistato $ 1,5 miliardi di criptovaluta per il suo bilancio aziendale – e anche dopo che Musk è stato impegnato a sostenere il valore del meme -driven crypto Dogecoin.

Il prezzo di bitcoin, dogecoin e altre criptovalute ethereum, binance e litecoin sono in caduta libera nell’ultima settimana circa. Musk ha incantato il mercato per la prima volta quando è andato al “Saturday Night Live” l’8 maggio e ha scherzato sulle criptovalute, definendo anche dogecoin un “trambusto”.

Ma la recente dichiarazione di Musk secondo cui Tesla non accetterebbe più bitcoin come pagamento per le sue auto a causa dell’enorme impronta di carbonio della criptovaluta, così come una serie di tweet confusi e alquanto contraddittori sulle partecipazioni di Bitcoin dell’azienda, ha il mondo degli investimenti in armi.

Bitcoin Ha Ancora Molti Fan

I commenti arrivano proprio mentre diverse aziende di spicco hanno iniziato ad abbracciare bitcoin. Square (SQ) e PayPal, proprietario di Venmo (PYPL), stanno lavorando per semplificare i pagamenti in bitcoin sulle loro reti. Le società di big data Palantir, Visa (V) e Starbucks (SBUX) sono tra le aziende più note che hanno pubblicizzato anche bitcoin ultimamente.

Il chief financial officer di Palantir, David Glazer, ha detto in una chiamata sugli utili all’inizio di questo mese che la società ha discusso la possibilità di aggiungere bitcoin al proprio bilancio ed era “aperta agli affari” “per quanto riguarda l’accettazione della crittografia come pagamento dai clienti.

“Vediamo ancora altre società entrare e investire in bitcoin perché lo considerano una riserva di valore, un oro digitale”, ha detto Stephen Kelso, responsabile dei mercati di ITI Capital, in un’intervista a CNN Business.

Kelso ha affermato che il Bitcoin è ancora visto dagli investitori e dalle società come un modo per proteggersi dall’inflazione. Per cui molti investono in Bitcoin, attraverso piattaforme affidabili come bitcoin prime opinioni, per transformare i soldi in valute digitale che non perdono di valore.

In questo senso, la società di software MicroStrategy (MSTR), che come Tesla detiene bitcoin nel suo bilancio, ha acquistato ancora più criptovaluta negli ultimi giorni. Ma le azioni di MicroStrategy sono scese del 7% lunedì e sono crollate di quasi il 20% nell’ultima settimana a causa del crollo dei prezzi dei bitcoin.

Ancora Troppo Volatile Per Molti?

La volatilità vertiginosa di Bitcoin continua a essere una delle principali preoccupazioni. Una cosa può essere per un’azienda mantenere una piccola quantità di criptovaluta nel proprio bilancio come alternativa più sexy ai contanti e ai buoni del Tesoro nella speranza di rendimenti migliori.

Ma le aziende tradizionali, in particolare quelle con grandi attività di consumo, possono davvero rischiare di consentire ai clienti di acquistare e vendere beni con una valuta così volatile? Probabilmente no.

“Affinché le criptovalute diventino diffuse e incorporate, è necessaria una certa stabilità”, ha affermato Danyaal Rashid, analista tematico di GlobalData, in un rapporto lunedì.

“Questo è certamente il caso se le persone si aspettano di effettuare pagamenti con criptovaluta. Se prevediamo oscillazioni dei prezzi settimanali fino al 20%, i pagamenti diventano irrealizzabili”, ha aggiunto Rashid.

Quindi non c’è da meravigliarsi che il CEO di Colgate-Palmoliv (CL) Noel Wallace abbia semplicemente detto: “No, non lo facciamo”, quando è stato chiesto alla recente riunione annuale degli azionisti se la società ha un piano per l’utilizzo di bitcoin per qualsiasi transazione commerciale.

E la rivale Volkswagen di Tesla (VLKAF) non è ottimista nemmeno su bitcoin. Il chief financial officer di VW, Arno Antlitz, ha dichiarato sull’ultima chiamata sugli utili della casa automobilistica che “al momento non abbiamo intenzione di utilizzare criptovalute o investire in criptovalute”.

Anche così, c’è un legittimo interesse per le criptovalute da parte degli investitori. E molto di questo, nel bene e nel male, potrebbe essere dovuto a Musk.

“È un fenomeno strano quando il tuo comitato di rischio deve discutere seriamente di SNL. Ma penso che aiuti a portare più investitori nella mischia”, ha detto Michael Kamerman, CEO di Skilling, una società di brokeraggio al dettaglio che si concentra sulle criptovalute.

Kamerman ha detto che pensa che ci sarà un eventuale scossone nel mercato delle criptovalute. Ce ne sono semplicemente troppi in questo momento.

Conclusione

Proprio come le azioni di Amazon (AMZN) sono precipitate quando la bolla dot.com è scoppiata più di vent’anni fa prima di rimbalzare, lo stesso potrebbe accadere con Bitcoin e altre criptovalute leader.

Altri esperti dicono che gli investitori devono abituarsi alla volatilità. Il mondo delle criptovalute si muove molto più rapidamente delle azioni, delle obbligazioni e delle valute tradizionali.

Ma anche questo passerà quando l’industria inizierà a maturare.

“Molti investitori in bitcoin prendono ancora spunto da Musk. Ci vorrà un po ‘prima che ne saremo completamente isolati”, ha affermato Ben Weiss, CEO di CoinFlip, una società di cripto-ATM. “Ma il bitcoin è più forte di una società e di una persona.”

507