Bearzi

Il Battesimo di Cristo, il capolavoro di El Greco fino al 6 Gennaio

Il Battesimo di Cristo
Ultimi giorni per ammirare “Il Battesimo di Cristo”, l’incredibile opera di El Greco uno dei massimi esponenti del cosiddetto “Siglo de Oro” spagnolo e figura chiave di un’epoca di coraggiose innovazioni artistiche che hanno cambiato la pittura tra XVI e XVII secolo, in esposizione fino a lunedì 6 gennaio nel Padiglione d’ingresso dell’Ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Udine.

Il dipinto di Domenicos Theotokopoulos detto El Greco, realizzato tra il 1608 e il 1614, è una straordinaria opera proveniente da uno dei tre altari della Cappella dell’Hospital de Tavera, a Toledo, ed è giunta eccezionalmente a Udine lo scorso 23 novembre grazie al Comitato di San Floriano, all’Azienda Ospedaliera Universitaria e alla Fundacion Casa Ducal de Medinaceli (Sevilla), proprietaria del capolavoro.

La scelta di esporre l’opera a ingresso libero in una sede inusuale come il padiglione d’ingresso dell’Ospedale “Santa Maria della Misericordia” nasce dalla volontà di consentire ai malati, al personale ospedaliero, ai parenti in visita e a chiunque si rivolga ai servizi della struttura ospedaliera, di incontrare un segno di attenzione per chi non è soltanto paziente, utente, operatore, ma anzitutto persona, e vive dall’interno l’esperienza della fragilità: la bellezza dell’arte e la bellezza del Vangelo sono una forma di vicinanza e di incoraggiamento per tutti costoro.

La grande tela (con cornice misura cm 377 x 221) rappresenta molto bene il carattere intrepido e sperimentale di El Greco, l’artista cretese formatosi prima alla scuola bizantina e poi a quella italiana, per giungere alla sua consacrazione a Toledo, crocevia di tre influssi (cristiano mozarabico, ebraico, islamico). Inventore di un personalissimo linguaggio “scientifico” per “dipingere l’invisibile”, El Greco, nel “Battesimo di Cristo” mostra una scena di gruppo, dall’atmosfera fervente e dal forte contrasto tra colori cupi e squarci vivissimi di colori forti e brillanti, in cui le figure, in particolare quella di Cristo in primo piano, sono quasi smaterializzate e misticamente allungate.

L’esposizione de “Il Battesimo di Cristo” è realizzata dal Comitato di San Floriano di Illegio, in collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Santa Maria della Misericordia” di Udine, e la Fundacion Casa Ducal de Medinaceli, con il patrocinio della Pastorale della Cultura dell’Arcidiocesi di Udine, il sostegno delle istituzioni locali e la partnership tecnica della società C.a.r.s.o. per il monitoraggio ad alta tecnologia dell’opera stessa. L’esposizione è stata resa possibile anche grazie a Poste Italiane, ENI, Camera di Commercio di Udine, Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del FVG.

L’opera è visibile nel Padiglione d’ingresso dell’Ospedale “S. Maria della Misericordia” di Udine agli stessi orari di apertura al pubblico dell’Ospedale stesso, e ininterrottamente per gli interni.

Servizio di accoglienza e illustrazione dell’opera:
tutti i giorni dalle 07.45 alle 18.45 fino a domenica 5 gennaio 2014

facebook
1.309