Il forum FuarceUdin mette all’asta la maglia di Sanchez per aiutare i bambini

sancehzLo scorso 24 maggio 2011 il forum fuarceudin.com nel contesto della consegna del premio FUTOP 2010-2011 ad Alexis Sanchez, riconoscimento riservato a colui che secondo il forum è risultato il migliore calciatore dell’Udinese della stagione 2010-2011, ha fatto autografare quella che sicuramente è stata l’ultima maglia autografata dal “nino maravilla” prima di partire da Udine, partenza che è avvenuta la sera stessa. Riceviamo e pubblichiamo
Cosa ce ne facciamo di questa maglia adesso che il Nino è andato a Barcellona? È quello che si sono chiesti alcuni forumisti dopo la cessione del cileno. Così nella speranza e nell’auspicio che quella che è stata l’ultima maglia firmata dal Nino prima della partenza da Udine possa diventare un giorno un pezzo da collezione grazie alla luminosa carriera che noi tutti gli auguriamo, lo scorso autunno il forum Fuarceudin.com ha organizzato la lotteria “Fuarceudin for life” mettendo in palio la suddetta maglia e raccogliendo 1034,00€ tra gli iscritti ed i loro amici. Il forum, lo scorso dicembre ha devoluto il ricavato all’associazione di volontariato no-profit che, animata dalla volontà di salvaguardare al meglio il benessere fisico e psicologico dei bambini gravemente malati e/o in stato terminale, sta realizzando anche nella nostra regione il primo progetto di Assistenza Domiciliare Pediatrica (http://www.assistenzadomiciliarepediatrica.org). Il 7 luglio 2011 viene dato ufficialmente il via al loro progetto: in pochissimo tempo quasi una ventina di questi sfortunati bimbi sono seguiti ed assistiti a casa.
Il giorno 8 gennaio 2012 prima dell’incontro Udinese-Cesena, nei pressi dello stadio Friuli si è svolta la “cerimonia” di consegna della maglia autografa del Nino al vincitore della lotteria da parte di Anna ed Omar motori ed animatori del progetto di Assistenza Domiciliare Pediatrica ed autori della lettera di descrizione e di presentazione del progetto che sotto alleghiamo.
Convinti che il calcio, come i bambini, debbano essere fonte di gioia, i forumisti tutti orgogliosamente ringraziano Omar, Anna, Luca e Daniele che facendoci conoscere l’Associazione ci hanno permesso di fare un piccolo gesto
concreto in supporto a chi è al fianco dei bimbi gravemente ammalati: Il loro è un impegno importante che merita attenzione e sostegno.

In Italia 11.000 di bambini vengono colpiti da una malattia cronica inguaribile (tumori, leucemie, ma anche fibrosi cistica, malattia neurodegenerativa, metabolica, etc.). Di questi, tutt’oggi quasi il 90% dei bimbi muore ancora in terapia intensiva, a volte completamente da soli, a volte (i più fortunati) con i genitori accanto per uno strappo alle regole dell’ospedale. Le cure palliative pediatriche e la loro applicazione sono ancora un miraggio e laddove ci sono le competenze, manca la tempestività di associare alla cura terapeutica per la malattia quella palliativa, preferendo riservare le cure palliative ai piccoli pazienti e le loro famiglie solo nella fase terminale della malattia. I bambini soffrono, molto di più degli adulti, e soprattutto a volte muoiono in hospice per anziani.
Il progetto di Pordenone, primo in Regione FVG, si è posto due obiettivi che giorno per giorno sta portando a termine in maniera sempre più completa e con competenze sempre maggiori: il primo obiettivo è stato riuscire a seguire a casa e non più in ospedale a tutt’oggi 20 pazienti affetti da patologie gravi con una riduzione del 65% delle loro ospedalizzazioni. Il secondo obiettivo è stato quello di somministrare le cure palliative ai bambini e ai loro familiari utilizzando personale altamente qualificato in cure pallaitive pediatriche.
Il progetto è coordinato dal reparto di pediatria dell’ospedale di Pordenone, nella figura della dr. De Zen Lucia, oncologa pediatra. Il team è composto inoltre da un altro medico specializzato in malattie croniche non
oncologiche, la dr. Tania Gerarduzzi, dalla dott.ssa Monica Minetto, psicologa, e da un pool di infermiere appartenenti sia al reparto di pediatria che all’azienda territoriale. Da qui il termine assistenza domiciliare INTEGRATA ad alta complessità, anche questo un obiettivo raggiunto: la collaborazione tra ospedale e azienda territoriale per lo scopo comune del benessere del bambino!
Le associazioni che ruotano intorno al progetto sono molte e speriamo siano sempre di più proprio perchè questo è un progetto di tutti: L’A.G.M.E.N., l’associazione Luca, l’A.I.L. sez. di Pn. Quest’ultima ha finanziato in parte il
progetto e ha donato anche l’auto utilizzata dal personale medico-infermieristico per le visite a domicilio. In ultimo vi è anche la Fondazione Maruzza Lefebvre d’Ovidio Onlus- sez. FVG che si pone come propria mission
quello di garantire l’accesso alle cure palliative per tutti, dando priorità alla qualità della vita anche quando si è malati inguaribili, soprattutto se bambini. La Fondazione si batte per l’approvazione su tutto il territorio nazionale
di un progetto molto ambizioso: il “Progetto Bambino”. Esso prevede infatti la diffusione della cultura e delle competenze nelle cure palliative pediatriche, la creazione di un centro di riferimento di cure palliative in ogni regione che, tra i vari compiti, ha anche quello di coordinare l’assistenza a domicilio del paziente pediatrico con un servizio h24, 365 giorni/anno.
Il progetto ASSISTENZA DOMICILIARE PEDIATRICA oltre a lasciare il bambino e la sua famiglia nel proprio ambiente con innumerevoli vantaggi per tutto il nucleo familiare,comporta inoltre una diminuzione dei costi per
l’ospedale: infatti la degenza ospedaliera è più onerosa della domiciliarizzazione di quasi del 40%. Il progetto sta inoltre prendendo ancora più corpo non solo grazie alla dedizione di medici ed infermieri ma anche grazie al
coinvolgimento di volontari, come ad esempio insegnanti, animatori e clown ..assistenti sociali in grado di sostenere la famiglia e i piccoli malati a 360 gradi. La buona riuscita di questo progetto dipende da tutti noi.
Se volete contattarci scriveteci a [email protected]
Se volete versare le donazioni direttamente in banca il conto corrente è il seguente :
Banca Friuladria IBAN IT18U0533612500000041165366
FONDAZIONE MARUZZA LEFEBVRE D’OVIDIO ONLUS
COMITATO FRIULI VENEZIA GIULIA
Via Gioacchino Rossini 16
33074 Fontanafredda – Pordenone

facebook
801