Immatricolazioni auto: a maggio in Friuli Venezia Giulia -44,5% rispetto al 2019

Il COVID-19 ha colpito duramente il settore dell’automotive in Friuli-Venezia Giulia, e a confermarlo sono i dati relativi all’immatricolato delle autovetture di maggio: -44,5% in regione rispetto a maggio 2019, con 1.766 vetture immatricolate rispetto alle 3.182 del 2019. È negativa anche la variazione del cumulato gennaio-maggio che segna, rispetto all’anno scorso, un calo del 51,81% (7.416 vs 15.392).

La tendenza negativa in regione e a livello nazionale – commenta Plinio Vanini, Presidente del Gruppo Autotorino – è confermata anche nelle sedi del Gruppo Autotorino, che registrano una caduta degli ordini che varia tra il -40% ed il -50%. Per dare una dimensione dei contatti intercorsi in maggio con i nostri clienti, a livello di Gruppo, contiamo un terzo in meno sul volume che ci saremmo attesi in condizioni ‘normali’. Siamo consapevoli che il percorso verso il ripristino del mercato Auto, già in sofferenza a inizio anno, sarà lungo, lento e faticoso, per di più con il peso di 2 mesi a vendite azzerate. – Vanini ha poi proseguito – Una sola la certezza: non possiamo pensare di farcela con le sole nostre forze, se non ad un prezzo altissimo. Senza opportuni provvedimenti del Governo c’è il consistente rischio di uno stallo ancor più accentuato che, secondo le stime di Federauto, potrebbe portare ad una chiusura del mercato auto 2020 con 800.000 unità in meno rispetto all’anno precedente, e una perdita occupazionale di 40.000 dipendenti nelle concessionarie (a fronte dei 120.000).

Anche a livello provinciale i numeri manifestano la difficoltà del settore. Secondo i dati Federauto, a maggio nella provincia di Pordenone sono state immatricolate il 49,04% in meno di autovetture rispetto allo stesso mese del 2019: in numeri assoluti, a maggio di quest’anno in provincia sono state targate 424 autovetture contro le 832 del 2019. Anche in provincia di Gorizia e Udine il trend del mese scorso è stato negativo con perdite rispettivamente del -45,30% e -43, 93%. A Gorizia sono state immatricolate 163 vetture rispetto alle 298 del 2019; a Udine, invece, 850 rispetto alle 1.516 dell’anno precedente.

Trieste, infine, è l’unica provincia in regione ad aver subito un calo delle immatricolazioni inferiore al 40% (-38,62%): a maggio di quest’anno nel triestino sono state immatricolate 329 contro le 536 del 2019.

Tuttavia, con il passare delle settimane e addentrandoci nel mese di giugno, i dati sull’immatricolato iniziano a mostrare segni di ripresa benché il trend rimanga negativo (-9,06% nei primi 15 giorni del mese rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso). I consumatori hanno però manifestato un crescente accesso alle concessionarie del Gruppo ed ai loro servizi di contatto: un segno incoraggiante, a maggior ragione se letto in chiave di una più generale propensione al consumo. Il Gruppo Autotorino ha così scelto di andare incontro alle esigenze dei consumatori dando vita a un nuovo tipo di concessionaria, sempre più digitale e interconnessa grazie ai nuovi pacchetti targati Autotorino Più che si compone di cinque aree: Più Sicuro, Più Vicino, Più Servizi, Più Leggero, Più Sereno.

Nei giorni di lock-down – commenta Plinio Vanini, Presidente del Gruppo Autotorino – abbiamo messo in campo tutte le nostre risorse per progettare una strategia che ponesse al centro la sicurezza dei nostri clienti e dei collaboratori e allo stesso tempo permettesse di evolvere i nostri serviziAbbiamo dato maggior impulso a un nuovo tipo di concessionaria – conclude Vanini – che continuerà a rimanere un punto di riferimento fisico, diventando al tempo stesso più digitale e interconnessa, in favore di un rapporto con il cliente sempre più diretto, immediato e vicino; oltre a ideare speciali formule d’acquisto che tutelano i clienti in un momento non facile come quello attuale.”

Entrare in filiale ora è “Più Sicuro” grazie a una serie di comportamenti e servizi che riassumono l’impegno per la qualità del servizio e la tranquillità dei collaboratori e dei clienti, nel rispetto del Protocollo di regolamentazione e delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19.

Al contempo Autotorino è anche “Più Vicino”, digitale e connesso grazie ai nuovi canali e alle nuove funzionalità di contatto immediato e facile che permettono la scelta dell’auto e dei servizi in videochiamataconcludendo l’acquisto anche a distanza ed in completa sicurezza, con i più avanzati protocolli di firma digitale.

Autotorino offre anche “Più Servizi”, che permettono di disporre della mobilità nel modo più semplice possibile, come ad esempio attraverso il servizio di Pick-up & Delivery, per una gestione fluida della manutenzione dell’auto con presa in carico e riconsegna a domicilio della vettura, mediante trasporto con vettore specializzato, sanificata e chiavi in mano. Un’attenzione in più che Autotorino pone alle esigenze dei clienti. 

Con ‘Più Leggero zero anticipi, inizio dei pagamenti posticipati al 2021, e la formula Soddisfatto o Rimborsato, valida sull’acquisto di auto nuove, usate o km zero che lascia spazio a 15 giorni di tempo o 1.500 km di percorrenza per decidere se eventualmente restituire la vettura ed essere rimborsato.

L’assistenza h24 tramite l’app Autotorino CON VOI, in grado di fornire supporto medico o stradale anche in videochiamata geo localizzata, e i pacchetti modulari all-inclusive che includono ampie coperture assicurative e manutenzione per l’auto, sono infine le tutele offerte dal servizio ‘Più Sereno’che comprende anche una polizza speciale per i suoi Clienti in risposta all’emergenza Covid-19.

500