PopSockets

arte2.jpgHa inaugurato sabato sera, in Galleria La Loggia a Udine, la rassegna d’ Arte Contemporanea INconsuetUDINE, curata dall’ Associazione Etrarte.
L’ attività dell’ associazione è stata ancora una volta premiata dal suo pubblico che ha affollato la galleria. Circa 250 persone hanno atteso con pazienza di poter visitare l’ Allestimento Contemporaneo. “ Siamo molto soddisfatte delle positive conferme che riscontriamo ad ogni nostra “provocazione” artistica”-commenta Elena Tammaro, una delle organizzatrici-“In realtà è il nostro pubblico che ci strabilia!”. E in questo caso al pubblico è stata data letteralmente “parola”, un’ inconsueta forma di comunicazione fra l’ artista e lo spettatore, dove l’ opera d’ arte diventa un mezzo per comunicare con l’ artista. Il pubblico ha infatti lasciato decine di messaggi ai 4 artisti protagonisti della rassegna, gli artisti stessi provvederanno a rispondervi dal sito internet dell’ Associazione (www.associazionetrarte.it). L’ invito è quello di buttare l’ occhio e, se vi piace, entrare a lasciare un messaggio, astrarvi un po’ dalla consuetudine “ domandare finalmente –ma cos’è quest’ arte contemporanea?”.

Orari d’apertura lun-ven:17.30-19.30, domenica 11.00-13.00, 16.00,18.00.

arte2.jpg

arte3.jpg

arte4.jpg

arte5.jpg

arte6.jpg

arte7.jpg

arte8.jpg

arte9.jpg

Originale. Audace. Coinvolgente. Sono queste le caratteristiche principali di “INCONSUETUDINE – ARTE PER PUBBLICO INDISCIPLINATO ”  la rassegna artistica  curata dell’ass. cult. Etrarte e realizzata in collaborazione  con la Federazione Italiana degli Artisti – Galleria La Loggia di Udine.
Il 4 ottobre infatti, verrà inaugurato la stagione artistica 2008 2009 della Galleria che da 35 anni nutre la cultura udinese attraverso esposizioni di importanti nomi della storia dell’arte italiana come Tiepolo, Goja o Rotella ma non solo. Ideata dal maestro Gianni Borta e diretta dalla prof. Maristella Cescutti, la Galleria La Loggia ha sempre sostenuto gli artisti emergenti. Ed è proprio da questa condivisione di sensibilità che l’associazione Etrarte, già nota nel panorama artistico regionale per proporre giovani talenti contemporanei, ha realizzato un percorso originale, audace e  inconsueto per il tradizionale spettatore/collezionista. Gli artisti coinvolti sono  stati scelti dalle edizioni precedenti di Sticeboris – la rassegna d’arte contemporanea realizzata da Etrarte a Pavia di Udine – e tutte le opere sono esposte in prima assoluta. Thomas Marcuzzi,  in arte Uolli , sdogana il mondo dell’arte contemporanea attraverso nuovi linguaggi  e “arti minori” come la grafica, il videoclip, l’animazione e il design di t-shirt. Verrà presentato un progetto diviso in più parti definito dall’artista “marketing musicale fai da te” .  Michele Panzino, si avvicina invece alla contemporaneità con l’arte figurativa della pittura tradizionale. Con linee semplici e pulite, l’artista ridefinisce il mondo  reale con visioni e colori  . Francesca Ragusa presenta un installazione scultorea che coinvolge il pubblico in un atmosfera suggestiva e fluttuante.  Una poetica spirituale , quella dell’artista ,  sempre presente nelle sue opere che suggerisce una  riflessione sull’assenza/ presenza delle persone scomparse . Infine Debora Vrizzi s’ispira al mondo  fiabesco per ritrarsi , attraverso un  fermo immagine foto/cinematografico, nell’ interpretazione noir di novelle per bambini. Una rielaborazione, quella dell’artista, che  attraverso il sapiente uso di  luci ed ombre, carica di significati , solo all’apparenza paradossali, situazioni e scenari al limite della riproducibilità.
Ecco che il  “salotto” del collezionista si trasforma nel ” Cafè di Mont Parnasse”, gli spazi della galleria da luogo di fruizione diventano punto d’incontro, scambio, interazione fra l’artista e il suo pubblico! Che cosa chiede il pubblico all’artista? O meglio, Che cosa dice l’artista al pubblico? O forse, Che cosa comunica l’opera dell’artista come risposta alle emozioni del pubblico? L’opera d’arte non è più oggetto, ma chiede  PAROLA. Si rende protagonista di un dialogo  REALE  fra l’artista e l’oggetto della sua arte.
In questa Rassegna lo spettatore ha un potere d’acquisto nuovo, una moneta di scambio INconsueTA, la  PAROLA.  Ogni opera avrà infatti un sua ampolla  per raccogliere emozioni, commenti, estemporanee e soprattutto: spregiudicate parole. L’acquisto più importante sarà quindi quello fatto con l’artista attraverso la sua opera e l’interazione con la stessa.
“Stiamo dando all’ Arte una VOCE che la gente possa capire” sottolineano le ragazze Etrarte –  Elena Tammaro,Raffaella Garzitto e  Gloria Deganutti. L’ Arte Contemporanea può essere frutto di una ricerca tecnica, di una poesia intimista, di un’ espressione dalla forte volontà sociale, sono tutte “immagini” reali o metaforiche, che l’ artista plasma attraverso la sua chiave di lettura e che solitamente il critico decodifica. In questo caso l’ artista affronta il suo pubblico “nudo” permettendo, per la prima volta, una possibilità di comunicazione a due vie in cui l’ Opera è parte di un dialogo inconsueto, fra l’ artista e il suo pubblico.
Una rassegna d’arte inconsueta  ma allo stesso consapevole , sociale, emozionante che interpreta perfettamente la filosofia di Etrarte e intende avvicinare e far innamorare il pubblico all’  Arte  e ai suoi infiniti linguaggi.

facebook

Lascia un commento

1.522