Aperitivo a Grado

Industria 4.0: incontro in Confindustria Udine

facebook

Il terzo appuntamento della staffetta di incontri in cui, frazione dopo frazione, viene presentata alle imprese l’opportunità di ripensare l’organizzazione e la struttura per offrire servizi a valore aggiunto integrati al prodotto, è stata ospitata giovedì a Confindustria Udine.
Le imprese innovative capaci di governare la trasformazione digitale sono ancora poche, ma ripensare i propri modelli di business sulla base delle tecnologie disponibili è un passaggio ineludibile non solo per nuove opportunità di crescita, ma per rimanere competitivi sul mercato.
Si tratta di un tema complesso che deve essere presentato alle aziende del territorio. Lo ha sottolineato molto bene Fabiano Benedetti, Capogruppo aziende Informatica e telecomunicazione di Confindustria Udine, nel saluto iniziale portato agli ospiti “Gli eventi sono un’importante occasione per portare all’attenzione delle imprese del nostro territorio i vantaggi possibili dal ripensamento del proprio modello di business. In Italia oggi il 10% delle imprese ha adottato strategie basate sull’Industria 4.0, compresa la servitizzazione, il 10% ci sta pensando. L’80% delle imprese non conosce questa opportunità.
Fabio Candussio, docente dell’Università di Udine esperto in Industria 4.0 e moderatore degli incontri, ha introdotto il tema della serata: “L’utilizzo dei dati”, approfondito dagli interventi di Giovanni Cadamuro di Chiurlo, Stefano Butti di Servitly, Andrea Benz di beanTech e Marco Ianza di Gruppo Euris.  Oltre 40 aziende della nostra regione che hanno colto l’opportunità di approfondire il tema dell’utilizzo dei dati nei processi di servitizzazione, presentato con esempi concreti e case study.
La misura dell’iperammortamento ha stimolato gli investimenti in beni strumentali nuovi e funzionali alla transazione verso l’industria 4.0, un investimento necessario ma non sufficiente. Il ciclo di incontri – organizzato da Friuli Innovazione grazie al progetto regionale OIS – ha proposto alle imprese la necessità di non fermarsi alla componente tecnologica ma di pensare anche alle opportunità che la tecnologia abilita, quindi a sviluppare nuove competenze, formare le risorse umane, disegnare nuove strategie e organizzazioni per creare valore e competere sul mercato grazie a nuovi modelli di business.

“Con questo ciclo di eventi desideriamo mettere a disposizione del territorio l’esperienza europea di Friuli Innovazione sulla digitalizzazione del prodotto – spiega Fabio Feruglio, Direttore di Friuli Innovazione – Da tempo abbiamo avviato approfondimenti e progetti per studiare e sperimentare con le imprese il modo di ripensare gli attuali modelli di business e implementarne di nuovi, con la convinzione che anche per le piccole e medie aziende del Friuli Venezia Giulia, come già avviene in Europa, sia fondamentale e urgente mettere in agenda questo tema”.
Ora il testimone ora passa alla frazione finale, l’arrivo: la ridefinizione della strategia per innovare il proprio modello di business, gli effetti positivi sulla fidelizzazione del cliente, e il fatturato. L’appuntamento è il prossimo 14 novembre a Friuli Innovazione (ore 17, iscrizioni scrivendo a comunicazione@friulinnovazione.it). Interverranno: Magda Uliana, Direttore Centrale Attività Produttive Regione Autonoma FVG | Alessandro Viviani, Vice President Service Gruppo Danieli | Maurizio Massaro, Professore di Economia Aziendale , Università Cà Foscari | Alessandro Englaro, CEO startup Akuis.
La staffetta 4×4.0 dedicata al tema della servitizzazione è stata organizzata da Friuli Innovazione in collaborazione con IP4FVG, DIH- Digital Innovation Lab di Udine e ASAP Service Management Forum.

583