Inizia Grado Giallo. Programma venerdì 30 settembre

grado-giallo-2016
Una “full immersion” nel romanzo di spionaggio, per trovare in esso una chiave di lettura della società e del mondo di oggi, con l’apporto di autori, giornalisti, studiosi, ma anche magistrati e rappresentanti delle forze dell’ordine impegnati sul “fronte”. È questo il focus tematico lungo il quale si snoderà la IX edizione di “Grado Giallo”, il festival letterario che da oggi, e fino a domenica 2 ottobre, si prepara ad animare intensamente la nota località turistica in provincia di Gorizia.

Grado, l’Isola del Sole, per tre giorni si tingerà di giallo grazie a molti appuntamenti di qualità fra letture, incontri e confronti con gli autori, spettacoli, cene con delitto e iniziative dedicate ai bambini.
È stato l’appuntamento “Giallo e cinema”, introdotto da Mario de Luyk, storico presidente della Cappella Underground, creatore del cinema d’essai Ariston e del Festival dei Festival, socio fondatore del Teatro Miela di Triestea caratterizzare l’anteprima di ieri sera al cinema Cristallo, dove sono state proiettate due pellicole decisamente “in tema”: “Il Ponte delle Spie” (Bridge of Spies – 2015), diretto da Steven Spielberg, e “Il Terzo Uomo” (The Third Man, 1949), regia di Carol Reed, con Orson Welles, Joseph Cotten e Alida Valli, sceneggiatura di Graham Greene.

PROGRAMMA DI VENERDÌ 30 SETTEMBRE

Domani, venerdì 30, il festival entrerà nel vivo già a partire dalle 9.45, con “Chi mi spia?”, percorso per gli allievi della scuola primaria, a cura di Damatrà, seguito, all’Auditorium Biagio Marin, dallo “Speciale Scuola. Spie per gioco”, incontro con lo scrittore per ragazzi e saggista Giuseppe Fiori.
Nel pomeriggio la sfilata delle Spie Hacker (spie informatiche) organizzata dall’Associazione “La Signora delle Fiabe” percorrerà i viali pedonali di Grado giungendo poi in viale Dante Alighieri e terminando con un’incursione al cinema, per dare il via all’inaugurazione del festival.
Al Cinema Cristallo, dunque, è prevista dalle 16.45 la cerimonia di apertura del festival introdotta dal prof. Elvio Guagnini, presidente del Comitato scientifico, con una relazione su “Spy story e la letteratura d’investigazione”.
Interverranno il docente e studioso Bruno Pischedda, e gli autori Paolo Maurensig (“La teoria delle ombre”, Adlephi, 2015), Loriano Macchiavelli (“Noi che gridammo al vento”, Einaudi, 2016), Giorgio Pressburger (“Denti e spie”, Rizzoli, 1994).
Nella stessa sede, parlando di “Spie, spioni e spioncini da Shakespeare a Le Carré”, è previsto l’incontro con il docente e studioso Renzo Stefano Crivelli, introdotto da Sergia Adamo. A seguire, “Sotto copertura”, conversazione di Elvio Guagnini con Vincenzo Fenili, autore del volume “In missione. Agente Kasper: una vita sotto copertura” (Chiarelettere, 2016).
Infine, al Cinema Cristallo, l’appuntamento “Raccontare il crimine in tv” introdotto da Emanuele Gagliardi, delle Teche Rai, e la proiezione di “Ragion di Stato” di Marco Pontecorvo, con Luca Argentero e Saadet Aksoy. (Miniserie televisiva del 2014). Sempre in serata, prima cena con delitto alle ore ore 20.00 al Ristorante Bar Grand Hotel Astoria.

708