Udine

Kyron Artic Way 2008 (1)

giusy3.jpg

Udine20 vi propone il Diario di Viaggio in diretta di Giusy Concina che sta tenendo durante la Kyron Artic Way. Arrivo a Kiruna e Jukkasjarvi. La Kyron ha percorso ben 3400km, di cui la maggior parte su strade innevate, bianche e particolarmente suggestive. Dopo cotanto viaggiare la meta non poteva che essere il punto più a nord in cui corre la Ferrovia: Kiruna.

giusy2.jpg

Questa cittadina è prevalentemente industriale, sviluppatasi con la scoperta del ferro, oggi giorno meta turistica durante l’inverno per coloro che vogliono vedere e vivere un’esperienza particolare come dormire nel ghiaccio.  circa 12km di distanza infatti sorge il paesino di Jukkasjarvi, realizzato da un agglomerato di piccole casette color ruggine, ove l’attrazione principale è appunto l’Ice Hotel. : un’opera d’arte unica nel suo genere ed al mondo, realizzata con la presenza di artisti da tutto il pianeta,, una hall ed i corridoi con 80 camere dentro la neve ed il ghiaccio; le suites sono a tema e propongono sculture tutte da vedere, i letti sono di ghiaccio ed i materassi di pelle di renna. I clienti dormono in appositi sacchi a pelo ed al mattino vengono svegliati con un succo di mirtilli caldo servito in camera, poi a disposizione c’è la sala calda per cambiarsi, per fare la sauna e tutti i servizi. Il
ghiaccio viene estratto dal fiume sottostante il Torne, che ha caratteristiche particolari di purezza e
limpidezza. Il ghiaccio viene estratto una stagione per l’altra e conservato in apposite celle
frigorifere, così l’hotel può essere ricostruito ogni inverno ed è funzionante da Novembre ad
Aprile, quest’anno è giunto alla sua dicciotesima edizione e registra ogni sera il tutto esaurito.
La Kyron su queste strade, oramai è di casa, la difficoltà di guida diminuisce con l’aumentare dei
chilometri, poichè l’abitudine a questo paesaggio, a queste caratteristiche del manto stradale si fa
sempre più dominante. Natrualmente la concentrazione non manca mai, infatti, le condizioni
metereologiche sono comunque piuttosto brutte, la temperatura raggiunge i 10 gradi sotto lo
zero ed oltre agli splendidi pini innevati, non manca un significativo strato di ghiaccio nemmeno
sulla strada, perciò la traferta merita tutta l’attenzione. Vale la pena sottolineare l’importanza di aver utilizzato dei pneumatici invernali di buona qualità, e di come l’utilizzo della trazione integrale in questi circostanze sia davvero eccezionale

giusy1.jpg

facebook
1.009