Bearzi

La bella addormentata con il Balletto di Mosca a Latisana e Gemona

La bella addormentata
Latisana e Gemona del Friuli – Classico appuntamento pre-natalizio nel circuito ERT. Come da consolidata tradizione, uno degli ultimi spettacoli in scena prima della pausa natalizia avrà per protagonista il Balletto di Mosca. Dopo aver visto la compagnia diretta da Elik Melikov esibirsi negli anni scorsi ne “Lo Schiaccianoci” e “Il Lago dei Cigni”, quest’anno il pubblico regionale potrà apprezzare il terzo lavoro della celebre triologia ciaikovskiana: “La Bella Addormentata”. Il Balletto di Mosca si esibirà domani martedì 14 dicembre alle ore 20.45 al Teatro Odeon di Latisana (ore 20.45) e mercoledì 15 dicembre al Teatro Sociale di Gemona del Friuli (ore 21). I due appuntamenti vengono presentati in regione grazie alla collaborazione tra ERT e Circuito Danza del FVG.

Il Balletto di Mosca La Classique, fondato nel 1990 sotto l’égida e con il riconoscimento del Dipartimento della Cultura della Città di Mosca, è un organico formato da una cinquantina di elementi provenienti da blasonate strutture come il Bolshoi di Mosca, il Kirov di San PietroBurgo, i Ballets Theatres di Kiev e Odessa, e ha in repertorio tutti i grandi titoli.
La compagnia, figlia della “grande madre Russia”, si pone come un baluardo della secolare tradizione della danse d’école ma, grazie al coreografo Alexander Vorotnikov, la libera dai ridondanti e obsoleti “manierismi” per riproporla rinnovata e adatta al pubblico odierno che, se ama la tradizione, nel contempo predilige messinscene più agili e moderne.

Il libretto de “La Bella Addormentata” fu scritto dal principe Vsevolozkij, sovrintendente dei teatri imperiali di San Pietroburgo, adattando al palcoscenico la fiaba di Charles Perrault e commissionando uno sfarzosissimo balletto a Tchaikovski e Petipa. In perfetta intesa, il compositore creò un’apoteosi sinfonica per accompagnare l’inventiva coreografica di Petipa, che volle curare nei minimi dettagli un’opera che doveva impegnare l’intero corpo di ballo in dimostrazioni di tecnica accademica e virtuosismi. La prima rappresentazione, il 3 gennaio 1890, ebbe come protagonista l’italiana Carlotta Brianza. Ancora oggi il ruolo di Aurora è considerato una prova di bravura per qualsiasi étoile, esempio ne sia la famosa “promenade in attitude” sempre sulle punte al momento della presentazione dei cavalieri; indimenticabile anche il festoso “grand pas de deux classique”.

Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it e chiamando il CIT Latisana (0431.59288) e il Teatro Sociale di Gemona (0432.970520).

facebook

Lascia un commento

615