La Premier League riprende con Manchester City-Arsenal

Il grande calcio sta finalmente per tornare. Già da alcune settimane, ormai, la Bundesliga è tornata ad allietare le menti degli amanti del pallone, ma il campionato tedesco ha fatto in fretta a lasciar intendere quale sarebbero stati i verdetti finali. L’attesa maggiore riguardava dunque la Liga e la Serie A, considerando che in Premier League il Liverpool ha chiaramente la vittoria del titolo in tasca. Tuttavia, il campionato inglese è noto per essere il più spettacolare del mondo e considerando la notevole incertezza relativa ai prossimi piazzamenti in Europa, c’era una certa ansia per la ripresa del calcio britannico.

Il ritorno della Premier si preannuncia così di grande qualità. Ci sono infatti due partite della 28ª giornata che attendono di essere recuperate: Aston Villa-Sheffield e, soprattutto, Manchester City-Arsenal. Subito un big match per incollare i tifosi alla tv, date le porte chiuse. La partita tra il Manchester City e l’Arsenal era stata rinviata a marzo dopo che alcuni membri dello staff dei “Gunners” erano stati a contatto con Evangelos Marinakis, il proprietario dell’Olympiakos incontrato in Europa League e che era risultato positivo al Coronavirus. I padroni di casa non sono in corsa per la vittoria del campionato, ma la sensazione generale è questa partita avrà molto da raccontare. Entrambe le formazioni sono caratterizzate da una forte tradizione sia in ambito nazionale sia in ambito europeo.

La partita, che si giocherà mercoledì 17 giugno alle ore 21:15, presso l’Etihad Stadium di Manchester, vedrà affrontarsi due formazioni dal rendimento altalenante. Il Manchester City, attualmente allenato da Pep Guardiola, si trova al secondo posto della classifica di Premier League con ben 25 punti di distanza dal Liverpool capolista. La contesa per il titolo nazionale non è stata praticamente mai aperta quest’anno e già a Natale il Leicester aveva abbandonato ogni pretesa perdendo lo scontro diretto con i “reds”. Sono però i “citizens” a vantare il miglior attacco del campionato con 68 reti all’attivo, pur avendo disputato finora un incontro in meno. I padroni di casa, però, hanno racimolato 7 sconfitte che hanno impedito di poter aspirare a qualcosa di più importante in questa stagione. Il City è già abbastanza sicuro di prendere parte alla prossima edizione della Champions League e non ha molto da chiedere a queste gare conclusive, se non consolidare il proprio piazzamento. La squadra di Guardiola si trova dunque in una sorta di limbo nel quale non può fare alcunché. L’unica motivazione può risiedere in una vittoria di prestigio contro una big.

L’Arsenal ha più di una ragione per pensare di fare bene. Prima dell’interruzione dell’attività agonistica, la squadra guidata dall’ex “Gunner” Mikel Arteta aveva ottenuto 3 vittorie di fila contro Newcastle, Everton e West Ham. Gli ospiti non hanno di certo condotto una stagione sfavillante e il rischio è quello di rimanere fuori dall’Europa che conta, distante 8 punti in classifica. Le statistiche non sono delle migliori, ma le possibilità di una piccola risalita ci sono tutte. L’aritmetica non ha ancora condannato l’Arsenal, che deve arrivare almeno in Europa League, dove l’anno scorso è arrivato in finale soccombendo al Chelsea di Maurizio Sarri.

Nel complesso, valutando la caratura tecnica delle due compagini, il Manchester City sarebbe sicuramente avvantaggiato. Gli ospiti, tra l’altro, non vincono in casa di questo avversario dal 2015 e pure le scommesse sulla Premier League ne tengono conto. Il Manchester City non pareggia una partita dal 18 gennaio, mentre l’Arsenal non perde in campionato dal 29 dicembre. Insomma, gli argomenti sono sufficienti per aspettarsi un incontro tutt’altro che scontato.

411