Bearzi

La protesta del comitato Stop5G corre via web


I comitati spontanei Stop5G friulani si sono riuniti per organizzare un evento rivolto agli amministratori locali.
I comitati hanno abbiamo deciso di dar voce a quella parte di scienziati ed esperti che a loro avviso non vengono presi in considerazione in quanto contrari agli interessi delle multinazionali delle telecomunicazioni.
Come cittadini attivi riteniamo importante agire in difesa della salute di tutti e in specialmodo delle categorie più deboli.

Ci rivolgiamo ai sindaci come massime autorità sanitarie locali, che hanno il compito di tutelare la salute dei loro cittadini, diamo a loro un informazione più completa, per permettere di fare delle scelte più attente, nella consapevolezza del quadro normativo sempre più vincolante che il Governo, con lo scorso decreto 76/2020 poi convertito in legge 120/2020, ha emanato. E’ sempre più importante diffondere la consapevolezza a tutti i livelli, la salute è un diritto di tutti, l’inquinamento elettromagnetico può essere ridotto notevolmente puntando sullo sviluppo delle reti via cavo, della fibra ottica e del cablaggio all’interno degli edifici, privati e
pubblici, come auspicato anche dalla legge Galletti. Il progresso passa necessariamente verso un miglioramento della società umana e oggi
più che mai è evidente che gli aspetti sui quali investire e lavorare non sono nella tecnologia, ma in tanti settori che soprattutto in questa pandemia hanno mostrato di essere inadeguati alle esigenze degli italiani.


L’evento riservato agli amministratori era stato previsto in presenza, ma a causa delle disposizioni degli ultimi DPCM, è stato trasformato in conferenza via web e si svolgerà giovedì mattina

facebook
520