Le Aquile sconfiggono il Cortina 6-4

aquile_1
Girandola di emozioni al PalaVuerich con le Generali Aquile FVG prima costrette a inseguire, ma che poi piazzano la zampata vincente che vale i tre punti e il primato in classifica. Ottima prestazione di Marchetti autore di una doppietta

Dopo la vittoria contro il Bolzano, le Generali Aquile FVG si ripetono e sconfiggono anche il Cortina al termine di un incontro emozionante e molto positivo sia per il gioco sia per il carattere e la voglia di vincere mostrate sul ghiaccio. Costrette a rincorrere per due terzi di gioco, hanno la forza di non disunirsi dopo essere andate sotto, di lottare per trovare il pareggio e poi piazzare il break decisivo che vale i tre punti e la conquista del primo posto a punteggio pieno.

Le due formazioni si affrontano a viso aperto dando vita a una partita che si infiamma quasi subito. Nel primo minuto Aquile per due volte vicinissime alla rete prima con Raduns che non serve un liberissimo Guerin e poi con Rigoni che scalda i guanti di Thompson. Al 5’25” mischia furibonda davanti allo slot di Carpano con il portiere che riesce a mettere tutti d’accordo. Sono diverse le occasioni da entrambe le parti, ma alla fine a sbloccare il risultato è Keith che al 9’05” approfitta al meglio di un rebound concesso da Carpano su conclusione dalla blu di Zandonella. Passano 122 secondi e il Cortina raddoppia. Persson, l’nhler tanto atteso, alla sua prima uscita

timbra il cartellino. Riceve un disco sulla blu e da posizione centrale fa partire un missile che trafigge il goalie di casa. L’uno-due non tramortisce le Aquile che riescono a reagire e all’11’59” è Koivunen a riportare sotto i suoi dopo essere stato servito sul secondo palo in maniera magistrale da Rigoni. Il finlandese saluta così il suo ritorno a Pontebba e i suoi ex-tifosi. La partita presegue sul binario dello spettacolo con le Aquile che sfiorano il pareggio al 14’59” grazie a una grande discesa di Nikiforuk che vede libero Raduns, lo serve ma Thompson risponde di no. Al 16′ si rivede il Cortina con Da Corte e sul finale di primo periodo è ancora Nikiforuk che va alla conclusione di polso dopo uno scambio con Ciresa. Thompson blocca il disco di pinza.

Secondi venti minuti interessanti con il Pontebba che prima agguanta il pareggio, poi ritorna sotto ma non demorde e chiude il parziale raggiungendo ancora la parità. Padroni di casa che ripartono subito spingendo sull’acceleratore e al 5’02”, sfruttando una situazione di doppio power-play, si riportano in parità grazie al duo ex Fassa Marchetti-Felicetti. La festa per gli 800 del PalaVuerich, però, dura poco meno di due minuti quando un contropiede bellunese è fatale per la retroguardia locale. Se ne vanno Keith e De Bettin, Carpano compie il miracolo sulla prima conclusione, ma non può nulla sul rebound del numero 22 ospite che sigla la sua personale doppietta. La partita si innervosisce con lo spettacolo che ne risente un po’. A rimettere ordine ci provano prima Persson che questa volta trova i gambali di Carpano e poi Guerin che non inquadra la porta. Al 18’43” il PalaVuerich torna a sorridere: Marchetti (doppietta anche per lui) fa partire dalla blu un missile teleguidato che si infila sotto la traversa superando un esterrefatto Thompson.

Lo spettacolo prosegue anche nel terzo periodo con i padroni di casa a spingere per trovare la rete del primo vantaggio che puntualmente arriva al 7’17” grazie a un’azione solitaria di Felicetti che supera tre avversari e poi serve da dietro porta Lavrentiev che deposita in fondo al sacco. Cortina che non molla e all’8’31” in contropiede Watson finalizza al meglio uno scambio in velocità con Krestanovich. Match che continua a regalare emozioni e PalaVuerich che ritorna a esplodere al 15’01” quando Raduns vede libero Nikiforuk, gli serve un ottimo disco a tagliare la retroguardia ampezzana, il piccolo attaccante punta Thompson e lo infila per la quinta volta. Ampezzani che provano disperatamente a riacciuffare i friulani, ma calano fisicamente e si innervosiscono ulteriormente. Suarez toglie Thompson, ma gli assalti cortinesi sono poco ordinati. Il Pontebba mantiene, invece, la calma e la lucidità necessaria fino alla rete a porta vuota di Raduns che mette la parola fine all’incontro.

Tiziano Gualtieri

Foto: Ranieri Furlan




















SGP GENERALI AQUILE FVG – SG CORTINA DE VILMONT 6:4 (1:2, 2:1, 3:1)

Reti: 9’05” (0:1) Keith (Adami F./Zandonella), 11’07” (0:2) Persson (Moser), 11’59” (1:2) Koivunen (Rigoni, Lavrentiev), 25’02” (2:2 pp2) Marchetti (Bonni/Felicetti), 26’54” (2:3) Keith (De Bettin, Adami F.), 38’43” (3:3) Marchetti (Guerin/Raduns), 47’17” (4:3) Lavrentiev (Felicetti/Marchetti), 48’31” (4:4) Watson (Krestanovich/Cullen), 55’01” (5:4) Nikiforuk (Raduns/Lutz), 59’54” (6:4 en) Raduns (Carpano/McElroy)

SG Generali Aquile FVG Pontebba: Carpano (Camin); Lutz, Marchetti, Ambrosi, Bonni, McElroy; Raduns, Felicetti, Nikiforuk, Koivunen, Rigoni, Guerin, Ciresa, Lavrentiev, Nicolao, Rizzo, Stampfer
Coach: Tom Pokel

SG Cortina de Vilmont: Thompson (Alberti), Sullivan, Persson, Zandonella, Da Corte, Truelson; Adami, Cullen, Krestanovich, Watson, De Bettin, Moser, Giugliano, Soravia, De Zanna, Keith, Menardi
Coach: Larry Suarez

Arbitri: Colcuc (Gamper/Rebeschin)

Penalità: SGP Generali Aquile FVG 8 (4, 2, 2) – SG Cortina de Vilmont 28 (6, 6, 16)

Note: 816 spettatori

Lascia un commento

439