L’ecosostenibilità secondo gli italiani: quali sono le nuove abitudini green

Adottare comportamenti ecosostenibili e aiutare il pianeta è al giorno d’oggi una priorità, e per questo ogni cittadino può fare molto a partire dalle piccole abitudini quotidiane. Andiamo ad approfondire come vedono la questione gli italiani per poi analizzare i nuovi fenomeni eco-friendly che interessano il comparto degli alimenti e dei packaging.

Italiani e abitudini ecologiche

Secondo gli studi condotti da Eurispes, la preoccupazione circa la tematica dei cambiamenti climatici è presente in quasi 8 italiani su 10, ma solo il 34,7% si è dichiarato disposto a ridurre i consumi per limitare il riscaldamento globale.

Nello specifico l’accorgimento pratico che risulta andare per la maggiore è l’impiego di lampadine a basso consumo, che ha ricevuto il consenso del 79,4% degli intervistati. Oltre a mettere in atto questi piccoli interventi virtuosi, oggi sul mercato energetico si trovano alcune offerte per luce e gas, come quelle di Green Network Energy ad esempio, che consentono di avere in casa energia 100% green. Anche queste piccole scelte possono avere un risvolto positivo correlato al livello di inquinamento e allo sviluppo di alternative sostenibili.

La qualità dell’aria che respiriamo è un’altra problematica molto sentita dagli italiani: lo ha dimostrato una ricerca di Eumetra MR dalla quale è emerso che l’83% degli intervistati dichiara di avere apprensione per i livelli di inquinamento, ma che solo l’8% agisce in maniera coerente con queste preoccupazioni.

In particolare, mentre l’evitare sprechi d’acqua, il fare attenzione ai consumi energetici, e l’effettuare una corretta raccolta differenziata dei rifiuti sembrano essere atteggiamenti diffusi, le differenze principali fra i più virtuosi e quelli che lo sono meno riguardano la diversa propensione ad acquistare prodotti e servizi che rispettano l’ambiente.

Alimenti ecosostenibili e packaging green

A tal proposito un ruolo chiave lo gioca naturalmente il settore alimentare. Secondo quanto emerge da una ricerca condotta da Bimby e Mintel a livello europeo, il 35% degli italiani mostra interesse verso gli alimenti che rispettano maggiormente l’ambiente, la forza lavoro e la salute, ed è stato registrato un generale consenso nell’accettare persino un prezzo più elevato per ingredienti con queste caratteristiche.

Altroconsumo in particolare ha quantificato in un altro suo studio che la percentuale di italiani disposti a pagare qualcosa in più per la sostenibilità tocca il 55%, anche se poi risulta che solo il 25% fa molta attenzione a caratteristiche quali imballaggi e sostenibilità della produzione.

Il dato che mostra, però, quanto ci sia ancora da lavorare è quello che quantifica come solo il 25% delle aziende italiane sia realmente ecosostenibile e attivo in questo campo. La domanda di prodotti green è dunque destinata a crescere, così da generare a sua volta una maggiore offerta.

451