Bearzi

Lignano: 226 mila euro per le associazioni

Municipio_lignano 28 nov 2014 – 226 mila euro: a tanto ammonta lo sforzo messo in campo dall’Amministrazione Comunale di Lignano Sabbiadoro a favore del sociale e dell’istruzione. L’eccezionale intervento è contenuto all’interno dell’assestamento di bilancio che verrà votato questo pomeriggio a partire dalle 16 dal Consiglio Comunale. La giunta guidata dal Sindaco, avv.Luca Fanotto, guarda quindi con attenzione ai soggetti deboli e alle nuove generazioni.

A fronte di un numero sempre più crescente di richieste di intervento agli uffici del servizio sociale e dell’assessorato alle politiche sociali da parte di cittadini singoli e nuclei familiari che versano in gravi situazioni economiche e lavorative, la giunta ha infatti deciso di stanziare somme straordinarie che non hanno precedenti negli anni passati.

Le necessità più frequenti riscontrate sono legate soprattutto all’emergenza casa e all’impossibilità di pagare bollette di utenze per luce e gas, “ma si è accertata – commenta l’assessore Ciubej – anche la necessità di fornire un supporto a quei cittadini ed a quelle famiglie che, pur essendo in difficoltà, non si sono ancora rivolte al servizio sociale”.

Nonostante l’impegno dei Servizi Sociali e di diverse associazioni a livello locale, infatti, numerose famiglie non riescono a garantire con le proprie risorse la copertura di tutte le spese ordinarie necessarie per la vita quotidiana.

Così l’Amministrazione comunale ha pensato di “sostituirsi” alla Regione, ad esempio, erogando il bonus bebè. Il contributo, quest’anno non previsto dall’ente regionale, verrà erogato invece dal Comune per un importo pari a 500 euro per ciascuna famiglia che ha avuto e sta per avere un bimbo nel 2014 e che sia contemporaneamente in possesso di un’attestazione Isee in corso di validità non superiore a 30 mila euro.

L’Amministrazione Comunale, operando delle economie all’interno del proprio bilancio, ha pensato inoltre di erogare un bonus – di natura straordinaria e pari ad € 500 – a sostegno di famiglie o di adulti soli con Isee inferiore a € 15.000, al fine di prevenire situazioni di emergenza sociale nel prossimo futuro partecipando al sostegno delle necessità primarie dei cittadini (casa, utenze, spese alimentari).

Infine è stato previsto un contributo di 17.500 euro alla Caritas per proseguire nell’attività di distribuzione di alimenti alle famiglie maggiormente in difficoltà. L’importo totale di questi tre interventi è di 50 mila euro

Tutti gli interessati ai bonus sopracitati dovranno presentare le domande al Comune di Lignano Sabbiadoro entro e non oltre il 19 dicembre 2014, e i richiedenti dovranno essere residenti a Lignano da almeno 24 mesi.

“Con questo provvedimento – spiega l’assessore alle politiche sociali Paolo Ciubej – l’Amministrazione comunale ritiene di interpretare quel sentimento di solidarietà che ha da sempre contraddistinto i lignanesi e che è stato più volte dimostrato nei confronti delle famiglie e delle persone più fragili e più deboli; solidarietà che è sempre stata perseguita anche dalle associazioni di volontariato in primis Caritas, Lignano in Fiore, Associazione Alpini e Pescatori”.

Quindi il capitolo scuola. L’istituto comprensivo di Lignano (materne, elementari e medie) potrà beneficiare di un massiccio investimento pari a 176 mila euro per l’acquisto di arredi, come banchi e sedie (45 mila euro) e di materiale informatico, come computer, tablet e lavagne interattive (131 mila euro). Nell’arco di un paio d’anni tutte le classi verranno informatizzate facendo diventare l’istituto comprensivo del comune di Lignano Sabbiadoro, un vero e proprio istituto 2.0, autosufficiente dal punto di vista informatico, in linea con le nuove direttive ministeriali

facebook
407