Bearzi

Luca Sanna, alpino 8. reggimento di Cividale muore in Afghanistan

luca sanna2

Si era sposato appena quattro mesi fa, nel suo paese, Samugheo, Luca Sanna, il giovane alpino morto stamane in Afghanistan. La moglie, Daniela Mura, con lui convolata a nozze a meta’ settembre, e’ una compaesana. Luca Sanna mancava da Samugheo ormai da diversi anni. Aveva prestato servizio militare nell’aeronautica poi era rientrato in famiglia e successivamente aveva deciso di arruolarsi nel corpo degli alpini. Dopo le nozze si era stabilito a Udine con la moglie. A Samugheo la sua famiglia e’ molto conosciuta. Il padre, Antonio Sanna, gestisce con i figli Dario e Giuseppe un’officina e carrozzeria. Ex emigrato, Antonio Sanna vive con la moglie Rita, di origine pugliese, e ha anche un’altra figlia, Rita. .

“Era un ragazzo pieno di vita e voglia di fare. Aveva legato bene con la gente del paese, non era uno che veniva solo a dormire”: così il sindaco di Lusevera (Udine), Guido Marchiol, ricorda Luca Sanna. Sanna era andato a vivere con la moglie nella frazione di Micottis poi, una volta partito per la missione in Afghanistan, la consorte era tornata in Sardegna. “Aveva fatto una festa – ricorda Marchiol – nella sede degli Alpini con una specie di gemellaggio tra amici sardi e la gente del paese. Aveva legato bene, non era certo uno che veniva solo a dormire”. Il Comune di Lusevera indirà tre giorni di lutto cittadino per la morte dell’alpino, con bandiere a mezz’asta.

Il ministro della Difesa Ignazio La Russa ha spiegato le ragioni degli attacchi contro gli italiani in Afghanistan: “Per la prima volta dopo tanti anni non stiamo solo dentro le basi fortificate, ma miriamo a controllare il territorio per fare in modo che la popolazione afghana rientri nei suoi villaggi. Gli avamposti sono più facilmente esposti agli attacchi degli insurgenti”. “I fatti – ha ricostruito La Russa – sono avvenuti alle 12,05 ora italiana in un avamposto nella zona di Bala Morghab”, nella parte settentrionale della regione Ovest, a comando italiano. Il caporalmaggiore Luca Sanna e un suo commilitone “sono stati entrambi colpiti da un uomo che indossava una uniforme afghana e che si è avvicinato loro con uno stratagemma, forse manifestando problemi all’arma”. Dopo aver centrato Sanna alla testa e l’altro militare alla spalla, l’uomo si è allontanato. “Per questo – ha proseguito La Russa – non è possibile dire ora con certezza se fosse un terrorista che indossava una divisa o un vero e proprio infiltrato nell’esercito afgano. In un caso o nell’altro non si può parlare di fuoco amico, perché è stato sicuramente fuoco nemico”. Con la morte di Luca Sanna salgono così a 36 i soldati italiani morti in Afghanistan.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari del militare caduto nella missione internazionale per la pace e la stabilità in Afghanistan, e un affettuoso augurio al militare ferito

Il presidente della Regione, Renzo Tondo: “Scenari sempre più difficili e cruenti. Ancora una volta un nostro alpino della Julia lascia la vita in una missione internazionale, in difesa della pace e della libertà. Con profonda commozione tutta la comunità regionale si stringe attorno ai familiari del nostro militare e al Corpo Alpino, impegnata in scenari sempre più difficili e cruenti”.

Il presidente del Consiglio regionale Franz: “Paghiamo il prezzo più alto. L’8° Reggimento di stanza a Cividale paga ancora una volta il prezzo più alto nella sua presenza in Afghanistan. Siamo vicini ai familiari del militare italiano caduto e lo siamo altrettanto a quelli del suo compagno gravemente ferito. Il travagliato percorso verso la democrazia di Paesi come l’Afghanistan ha chiesto ancora una volta il sacrificio più alto al nostro Paese. È per questo motivo che a coloro che coraggiosamente cercano di guidare questo difficile processo va il nostro più alto rispetto.”

Il Sindaco di Udine Furio Honsell: “Un’altra terribile tragedia che colpisce l’Italia e gli alpini. Voglio esprimere la mia vicinanza alla famiglia della vittima e a tutti i nostri soldati attualmente in missione in Afghanistan”

facebook

Lascia un commento

6.362